2580

Location
per eventi

11987

Sale
meeting

289

Agenzie
e servizi

10210

Articoli
e recensioni

Scegliere il colore dell'evento aziendale: guida rapida all'uso

Scegliere il colore dell'evento aziendale: guida rapida all'uso

Ti sarà capitato di andare a un matrimonio e vedere tutti gli uomini invitati indossare un fazzolettino nel taschino della giacca (diciamo) lilla, esattamente come un preciso dettaglio dell'abito della sposa. Oppure di essere invitato a un party in cui ti si chiedeva di vestirti in "total white".

Certo, perché anche gli eventi possono essere declinati secondo un colore specifico, quelli corporate compresi. Infatti, anche se per gli eventi aziendali più istituzionali a dare le linee guida in fatto di cromie sono perlopiù i cosiddetti colori aziendali, quelli del logo e della comunicazione ufficiale, non è detto che in altre occasioni non si possa decidere di rendere il tutto un po' più originale proprio a partire dalla scelta del colore.

La comunicazione visiva di un evento passa infatti anche dalle “sfumature” e non ti puoi fare cogliere impreparato nella scelta del colore giusto. La materia non è da poco come potrebbe sembrare, tanto che gli esperti di comunicazione sanno quanto sia indispensabile non lasciare al caso l'aspetto cromatico. Esiste addirittura una serissima disciplina, la psicologia del colore, che studia come il nostro cervello reagisce davanti ai colori e viene consultata anche dagli esperti di marketing.

Hai mai fatto caso per esempio che le aziende alimentari tendono a scegliere il colore rosso o che il blu è molto più gettonato di colori più “difficili” come il marrone? Tutto ciò accade perché a ogni situazione corrisponde un colore più adatto. Per questo, abbiamo pensato di suggerirti una guida rapida all'utilizzo dei colori più adatti agli eventi aziendali.

Nero: è il colore dell'eleganza in assoluto. Non ci sarà una cena di gala o una serata importante che possa prescindere da questo colore. Indicato anche quando viene richiesta massima sobrietà.

Blu: il blu si presta benissimo per gli eventi più solenni e istituzionali. Risulta perfetto per esempio per un top meeting o un incontro esclusivo.

Arancione: così come nel marketing viene utilizzato dalle aziende che vogliono apparire giovani e frizzanti, l'arancione è indicato per eventi che vogliano trasmette voglia di fare, allegria, “effervescenza”.

Giallo: è il colore adatto per convention, lanci di prodotto o comunque eventi che vogliano trasmettere fiducia nel futuro, ottimismo, voglia di fare.

Azzurro: quando gli invitati si devono distendere e l'atmosfera deve essere quella di un benessere diffuso, niente di meglio di questo colore. Gli eventi dedicati a wellness, all'inaugurazione di centri benessere, ecc. non posso prescindere da questo colore.

Rosso: non è un colore facile, perché soprattutto se è predominante potrebbe addirittura generare stati di ansia. Molto meglio dosarlo dunque e utilizzarlo con parsimonia, magari in qualche dettaglio ma sempre senza strafare.

Verde: anche questo colore ispira sentimenti positivi di fiducia nei confronti del futuro, ed è anche perfetto per eventi legati a concetti che richiamano la natura o per eventi all'aperto.

Bianco: ottimismo e voglia di cambiamento sono bene trasmessi dal colore bianco, che è anche perfetto per eventi legati alle stagione come "winter party" (associato all'idea della neve e del freddo) o "summer party" (associato all'idea di freschezza ed eleganza). Il total white in questi casi è un must imprescindibile.

Rosa, viola: sono i colori legati alle emozioni, non vengono utilizzati spesso per gli eventi aziendali anche perché sono solitamente associati ad altri tipologie di eventi, come per esempio i matrimoni.

Consiglio: se i colori e gli abbinamenti non sono proprio il tuo forte, puoi ricorrere al disco cromatico di Itten, uno schema grafico che ha aiutato anche i migliori stilisti a scegliere le cromie giuste, e orientarti meglio tra i colori fondamentali e le mescolanze, così come sono stati messi a punto dall' inventore del disco, Johannes Itten, nei primi del Novecento.