2536

Location
per eventi

12195

Sale
meeting

270

Agenzie
e servizi

9781

Articoli
e recensioni

Sicurezza negli eventi: quali sono gli obblighi e cosa fare

Sicurezza negli eventi: quali sono gli obblighi e cosa fare

Discutendo recentemente con il mio consulente fiscale abbiamo affrontato il tema della sicurezza negli eventi, in particolare dal punto di vista dei soccorsi sanitari e, vista la complessità del tema e la scarsa informativa semplificata a disposizione, ho pensato di condensare i punti principali e condividerli con i colleghi.

L’obbligo è stato sancito con un decreto legislativo il 28 agosto 1997, ma solo il 5 agosto 2014 la Conferenza Stato – Regioni e Prov. Autonome Trento e Bolzano, ha definito le “linee d'indirizzo sull'organizzazione dei soccorsi sanitari negli eventi e nelle manifestazioni programmate”, cioè le indicazioni operative da applicare.

OBBLIGHI SULLA SICUREZZA PER GLI ORGANIZZATORI DI EVENTI
Vediamo di cosa si tratta in concreto e a quali obblighi sono sottoposti gli organizzatori di eventi (per inciso, si considera organizzatore di eventi “chiunque organizzi qualsiasi evento o manifestazione, anche no profit”). Si legge nel testo dell’accordo: (omissis)… “L’organizzazione di eventi e manifestazioni di qualsiasi tipologia e connotazione, soprattutto qualora gli stessi richiamino un rilevante afflusso di persone, deve essere programmata e realizzata con il prioritario obiettivo di garantire il massimo livello di sicurezza possibile per chi partecipa, per chi assiste e per chi è coinvolto a qualsiasi titolo, anche solo perché presente casualmente nell’area interessata.”(omissis)…

Di conseguenza, gli eventi e le manifestazioni ovunque si svolgano, all’aperto o al chiuso, programmati o organizzati per fini sportivi, ricreativi, sociali, promossi da privati, enti non profit, o da qualunque società od organizzazione economica, devono essere classificati in relazione al livello di rischio, ovvero alla probabilità di avere necessità di soccorso sanitario sulla base delle seguenti variabili:
- tipologia dell’evento;
- caratteristiche del luogo;
- affluenza di pubblico.


CALCOLO DEL LIVELLO DI RISCHIO
Per gli eventi e le manifestazioni programmate l’organizzatore dovrà identificare il livello di rischio preventivo applicando i punteggi previsti dall’algoritmo di Maurer.

Sulla base del punteggio ottenuto l’organizzatore potrà verificare il numero di ambulanze da soccorso, da trasporto, team di soccorritori a piedi, unità medicalizzate e medici che dovranno essere presenti sulla scena dell’evento o della manifestazione. Il piano di soccorso dovrà essere articolato attraverso:
- analisi di rischio dei fattori propri dell’evento;
- analisi delle variabili legate all’evento (es. numero dei partecipanti);
- quantificazione delle risorse necessarie per mitigare il rischio;
- individuazione delle problematiche logistico/organizzative.

Nel caso di eventi con rischio “moderato/elevato” l’organizzatore dovrà presentare al 118 anche il piano di soccorso riportante la descrizione dettagliata delle risorse messe in campo (mezzi, squadre di soccorso, eccetera) e, qualora il rischio risulti “molto elevato” ne deve acquisire la validazione, ovvero dovrà sottostare all’approvazione del 118.

Il rischio viene considerato molto basso/basso per punteggi inferiori ai 18, moderato/elevato per valori compresi tra 18 e 36, elevato sopra i 37. Per gli eventi con livello di rischio molto basso o basso, si dovrà dare comunicazione dell’evento al servizio di emergenza territoriale 118, entro 15 giorni prima dell’inizio, mentre con livello di rischio moderato o alto almeno 30 giorni prima.

Tutti gli oneri e i costi economici relativi agli obblighi descritti sono a carico dell’organizzatore.

COSA FARE
L’organizzatore deve inviare alla ASL apposita una e-mail riportando:
- dati anagrafici, ragione sociale, codice fiscale recapito telefonico ed e-mail dell’organizzatore;
- numero telefonico del cellulare dell’organizzatore (per la rintracciabilità operativa nel corso dell’evento);
- mappa o cartografia del luogo dell’evento o della manifestazione;
- tipologia dei mezzi di soccorso presenti sul posto;
- condizioni per il rispetto degli obblighi della Legge 25/2001 (ambulanza con austista, un soccorritore di livello avanzato ed uno di livello base).

La centrale operativa 118 valuta il Piano e rilascia la validazione all’organizzatore o gli richiede modifiche.

In conclusione è bene informarsi presso gli organi competenti locali di volta in volta, in particolare modo presso il servizio 118 le cui funzioni sono anche operative, per evitare di incorrere in pesanti sanzioni amministrative. Per approfondimenti è consultabile il testo completo dell'accordo