2573

Location
per eventi

11970

Sale
meeting

288

Agenzie
e servizi

10181

Articoli
e recensioni

Un anno da meeting planner: buoni propositi per lavorare senza stress

Un anno da meeting planner: buoni propositi per lavorare senza stress

Ogni anno che si rispetti non può che iniziare con uno sguardo, di solito fiducioso, verso il futuro e i tanti progetti per i 365 giorni che abbiamo davanti.  

Il 2017 è cominciato da poco e siamo ancora in tempo per chiederci: quali sono i buoni propositi del meeting planner? Ognuno ha i propri d'accordo, ma se sei tra quelli che ancora non ci avevano pensato, non disperare, perché noi lo abbiamo fatto per te. Abbiamo raccolto l'appello di specialisti e psicologici che quest'anno più che mai non hanno avuto dubbi nel consigliare una saggia dose di relax, meno stress e soprattutto obiettivi professionali ambiziosi sì, ma con parsimonia.
Insomma siamo uomini (e donne) o meeting planner?

Ecco qui qualche buon consiglio, tra il serio e il faceto, per vivere un anno professionale speriamo ricchissimo di soddisfazioni, ma soprattutto senza stress e all'insegna della felicità.

#1 – Non saltare la pausa pranzo
Sì lo sappiamo che sono appena finite le feste e siamo tutti a dieta. Ma al netto dei chili che ognuno di noi, in coscienza, sa di dovere smaltire, un consiglio spassionato che ci sentiamo di darti è quello di prenderti, ogni giorno, il tempo per pranzare, scandendo così meglio i ritmi della tua giornata dedicando anche solo mezz'ora al tuo benessere, che si sa, passa anche da tavola. Anche nei giorni più impegnativi, anzi forse ancora di più nelle occasioni di super-lavoro.

#2 – Non rispondere alle mail dopo le 8 di sera
L'equilibrio tra vita privata e vita professionale è uno degli argomenti 'caldi' degli ultimi anni. Dalle palestre e gli asili nidi aziendali allo smartwork tutto va nella direzione di dare sia alla nostra sfera personale sia a al lavoro il giusto valore a tutto beneficio della nostra felicità, ma anche della nostra produttività. Un ottimo proposito di questo anno appena iniziato è dunque mettersi al riparo dallo stress cronico riuscendo, almeno ogni tanto, a chiudere la "scatola" lavoro nelle ore serali per dedicarci a quello che più ci piace, senza il rimorso di non avere risposto a quella e-mail 'urgente', che con buone probabilità, se ci pensiamo bene, potrà attendere almeno qualche ora, fino al mattino dopo. 

#3 Compila liste
Migliorarti professionalmente è il tuo obiettivo? Benissimo, allora cerca prima di tutto di guardare positivamente a quello che hai già realizzato dal punto di vista professionale. Ti aiuterà a puntare a nuovi obiettivi e alle giuste ambizioni professionali con un pizzico di fiducia in più. Fai una lista delle cose fatte, delle cose che ancora vorresti fare, degli errori commessi nello scorso anno e di quelli che sono i tuoi desiderata per il 2017.

#4 – Improvvisa per divertirti
Fare il meeting planner implica qualcosa di molto preciso: avere tutto sotto controllo. Questo perché come diciamo sempre nulla può essere lasciato al caso, ogni dettaglio deve essere studiato alla perfezione, ecc. Giusto! Ma per resistere all'affanno, anche durante l'organizzazione di un evento lasciati andare – solo per pochi minuti – all'improvvisazione. Magari semplicemente perché un imprevisto te lo impone o perché proprio a tutto non avevi pensato. L'improvvisazione non è sempre e comunque negativa, anzi, può darti quella giusta dose di adrenalina che serve per ricordarti quanto ami il tuo lavoro.

#5 – Scegli con chi lavorare
Fornitori, partner, collaboratori. Sono diverse le figure professionali che ruotano intorno al meeting planner e non sempre è possibile scegliere con chi lavorare. Ma appena si può, meglio circondarsi di persone che ci piacciono, con cui c'è la giusta intesa professionale. Anche questo ti aiuterà a vivere un anno meno stressante.