2538

Location
per eventi

12213

Sale
meeting

270

Agenzie
e servizi

9882

Articoli
e recensioni

Come creare e usare al meglio l'hashtag di un evento

Come creare e usare al meglio l'hashtag di un evento

Nome e cognome: l'hashtag ufficiale di un evento in ambito social non è che questo e per questo motivo è molto importante sceglierlo nella maniera più accurata. Sono infatti varie le caratteristiche che il cancelletto deve avere per potere essere utilizzato con facilità e soprattutto non essere confuso con altro, prima di tutto perché significherebbe disperdere twitt e ritwitt con scarso beneficio per la brand reputation dell'evento stesso o di chi lo organizza.

Questo vale anche in ambito corporate, ovvero nel caso di convention aziendali, meeting annuali, e così via, e anche per congressi, lanci di prodotto e tutto quello che può essere definitivo un evento business to business.
 
Ecco allora che anche in questi casi diventa indispensabile creare un hashtag che, se non potrà proprio essere perfetto, dovrà essere il più efficace possibile.
 

Come creare l'hashtag per un evento: 3 cose da sapere assolutamente

Hashtag sempre e comunque
L'hashtag ufficiale dell'evento è indispendabile se speri di avere un minimo di social engagement per il tuo evento. Se l'evento è annuale puoi riutilizzare quello già in uso per le edizioni precedenti aggiornando l'anno.
 
Personalizzato ed emozionante
Come si accennava poco fa, prima di scegliere un hashtag è fondamentale verificare che non ce ne sia uno - molto simile o uguale – già utilizzato per un altro evento, in un'altra occasione. Questo genererebbe una confusione inutile che finirebbe solo col penalizzarti. Assicurati dunque che l'hashtag che scegli sia solo tuo e personalizzalo come puoi, ma senza complicarlo. Quello che servirebbe per un hashtag che voglia essere il più perfetto possibile è un giusto mix tra un nome facilmente memorizzabile e uno che susciti coinvolgimento. Per esempio nel caso di un evento esclusivo dovrebbe suscitare una sensazione di prestigio, nel caso di party aziendale, si potrebbe 'stressare' l'aspetto del divertimento, e così via.
 
Unico
Questo aggettivo ha una triplice valenza: l'hashtag dovrà essere unico per tutti i buoni motivi che abbiamo appena elencato (personale, emozionante, esclusivo), ma soprattutto unico nel senso che basterà crearne uno per tutti i canali social utilizzati: se infatti il il canceletto è prerogativa di Twitter, nel caso di eventi può essere utile anche su Facebook e per il visual non può mancare sul profilo Instagram.
Ma c'è un'altra accezione di unico che qui ci torna utile: l'hashtag dell'evento dovrebbe essere l'unico utilizzato nel post e in ogni caso vanno evitati (come la peste!) hashtag generici e in grande quantità che portano solo confusione. #sapevatelo.
 

Come usare l'hashtag prima dell'evento

Sin dal momento della creazione, l'hashtag non potrà mancare in tutte le tue comunicazioni. Per diffonderlo, puoi aiutarti con i materiale offline che hai a disposizione: dal materiale cartaceo al catalogo, se ne è previsto uno, senza dimenticare di segnalarlo in tutte le e-mail che invii, dagli inviti in poi, esortando tutti i partecipanti e anche i relatori a utilizzarlo (questi ultimi ci guadagneranno anche in termini di personal branding). L'hashtag può essere presente anche sul sito dell'evento, sull'App, e così via.
Anche il momento della registrazione dei partecipanti potrebbe essere segnalato sui social (come check-in) con l'hashtag stesso citato in automatico.
 

Come usare l'hashtag durante l'evento

Ovviamente niente deve essere lasciato al caso quando si tratta di engagement, social o meno. Questo significa che anche nella location l'hashtag dovrà essere messo in bella vista, dalla reception alla sala e persino sul palco, se possibile. Inoltre, meglio ingaggiare qualche professionista che aiuterà l'impresa social coadiuvando i post sponantanei dei partecipanti con un'azione di live blogging. La location può anche essere allestita con video, videowall e così via per permettere la visualizzazione dei tweet, delle immagini, dei video, ecc.
 

Come usare l'hashtag dopo l'evento

Il post evento non è una cosa da poco e un buon follow up è determinante per la sua buona riuscita e anche per gli organizzatori stessi. Ma ti potresti chiedere: lato social, cosa me ne faccio dell'hashtag dopo che l'evento è finito? Intanto, il materiale prodotto durante il live twitting può essere ri-utilizzato, per esempio sul blog aziendale, raccogliendo i commenti più belli, più divertenti, e anche in questo caso le immagini e i video dei partecipanti. E non dimenticarti che rileggere i twitt che magari nel turbinio dell'evento ti sei perso potrebbe esserti d'aiuto: in fondo si tratta di un vero e proprio feedback di cosa è andato bene e di cosa è andato male.