2558

Location
per eventi

11840

Sale
meeting

282

Agenzie
e servizi

10074

Articoli
e recensioni

6 cose che il meeting planner deve fare appena sveglio

6 cose che il meeting planner deve fare appena sveglio

Ogni mattina appena sveglio il meeting planner sa che deve correre più veloce della luce. Perché si sa che i planner hanno un lavoro stressante, spesso difficile da conciliare con la vita privata, e che le giornate passate a organizzare eventi possono essere molto pesanti.
 
Ma siccome si sa anche che chi bene inizia è a metà dell'opera, e ancora che la mattina ha l'oro in bocca, anche il modo in cui si inizia la giornata è molto importante.
 
Naturalmente ognuno può fare ciò che vuole, e soprattutto noi italiani siamo promotori del “alla mattina, un caffè e via” e al massimo ci concediamo cappuccino e cornetto al bar.
 
Ma attenzione, perché gli esperti consigliano di dedicarsi del tempo, soprattutto quando la giornata non è ancora iniziata e c'è bisogno di raccogliere più energie possibili.
 
Ecco i nostri suggerimenti.
 

Cosa deve fare il meeting planner appena sveglio

 
#1 Restare in silenzio: l'ideale sarebbe svegliarsi presto, quando i rumori della casa e della strada non ci sono ancora. Se il tempo è bello, aprire una finestra e fare entrare il profumo dell'aria mattutina aiuterà il risveglio.
 
- Il tuo obiettivo appena sveglio è quello di rilassarti al massimo, provare calma e immagazzinarla per il resto della tua (frenetica) giornata.
 
#2 Fare una colazione energetica: altro che una tazzina di caffè! Dopo avere apprezzato calma, silenzio e relax è ora di ascoltare lo stomaco e nutrirsi di cose buone e leggere. Qualche esempio? Come forse sai già, gli esperti nutrizionisti consigliano non troppi zuccheri, qualche proteina anche a colazione e cibi freschi.
 
- Il tuo obiettivo è quello di fare una colazione sostanziosa ma leggera, abbonadando un po' se pensi di non avere tempo per il pranzo (pessima abitudine, ma sappiamo che accade spesso a chi per mestiere organizza eventi).
 
#3 Ritaglia 15 minuti per te: nell'arco della giornata difficilmente ti capiterà di avere tempo per te stesso. La mattina è preziosa anche per questo motivo, poiché ti permette di ritagliare qualche istante da dedicare alla tua attività preferita. 15 minuti non sono molti, ma tu bastano per gratificarti. L'ideale sarebbe impegnarli per imparare qualcosa di nuovo, magari leggendo un libro o un articolo.
 
- Il tuo obiettivo è quello di fare qualcosa soltanto per te prima di buttarti a capofitto nelle impegantive attività lavorative.
 
#4 Pensa positivo: c'è chi nasce ottimista e c'è chi nasce pessimista, chi vede tutto rosa e chi vede tutto nero. Se fai il meeting planner hai decisamente bisogno di positività, assolutamente non perché il tuo lavoro sia negativo, ma perché sai quanto può diventare impegnativo.
 
- Il tuo obiettivo è pensare a qualcosa che ti metta di buon umore, anche quando non ti senti particolarmente ispirato.
 
#5 Pianifica la tua giornata: abbiamo sempre modo di ribadire quanto siano preziose le check list per chi organizza eventi. Bene, a maggior ragione la lista delle cose da fare stilata a inizio giornata è molto preziosa, ma c'è un accorgimento che devi assolutamente prendere: fare la lista delle priorità. Perché se in una giornata di lavoro, idealmente, si hanno mille cose da fare, sarà inverosimile riuscire a farle tutte e per questo si potrebbe a fine giornata provare addirittura un certo senso di insoddisfazione.
 
- Il tuo obiettivo è scegliere ed elencare le priorità lavorative della giornata e concentrarsi su queste.
 
#6 Scegli la tua routine: se parte di quello che ti ho raccontato non fa per te e, per esempio, non riuscirai mai a svegliarti prima degli altri per assaporare silenzio e calma, poco importa. Quello che conta davvero è che tu riesca a crearti una tua routine mattuttina, che a detta degli esperti permette un avvio di giornata più sereno e ripercussioni positive sulle ore successive.
 
- Il tuo obiettivo è fare tutto ciò che serve per affrontare con serenità lo “stress da meeting planner”, gestendo al meglio gli imprevisti che ti possono capitare, ma anche tutte quelle emozioni che il tuo fantastico lavoro ti genera.