2609

Location
per eventi

12119

Sale
meeting

303

Agenzie
e servizi

10462

Articoli
e recensioni

Storytelling ed eventi aziendali: le linee guida

Storytelling ed eventi aziendali: le linee guida

Quando si organizza un evento aziendale è importante raccontare una storia coerente con quella del brand. Questo significa rendere l’appuntamento parte dello storytelling aziendale, ma per fare ciò sono diversi gli obiettivi condivisi che vanno presi in considerazione. 

In questo articolo analizziamo i fondamentali.

Cosa è lo storytelling aziendale

Coloro che raccontano una storia governano il mondo. Antico proverbio degli indiani d'America.

Ogni azienda è un patrimonio di conoscenza e valori, un mondo che deve essere raccontato per potere esistere anche all’esterno. Con lo storytelling si fa leva sulla sfera più emozionale, puntando non soltanto sui valori in quanto tali, ma creando attorno all’azienda, e quindi al brand, un universo di sensazioni evocate attraverso le tecniche narrative.

Più carattere e personalità contraddistinguono il brand e più il racconto può diventare emblematico, fino a essere simbolico e a identificarsi con l’azienda stessa. Non serve che l’azienda parli sempre e comunque di sé, ma creare un mondo di emozioni che a lei, e solo a lei, possono essere ricondotte, nelle quali i clienti si identificano proprio attraverso l’azienda stessa.

Il corporate storytelling altro non è che un modo innovativo di fare marketing e si avvale di empatia e viralità, coltivando la relazione tra azienda e pubblico.

Certo, per partire da una storia, il brand può cominciare dalla sua: come è nata l’azienda, chi sono le persone che vi lavorano, o anche chi sono i loro clienti, magari lasciando proprio a essi – grazie all’assist del digital e del mondo social – la facoltà di raccontarsi direttamente.

Di esempi ce ne è in abbondanza, tra i celeberrimi da Red Bull che ti mette le ali alle storie della vicende di chi vive al Mulino Bianco, dal concetto di casa di Ikea a quello di famiglia di Barilla.

 

Storytelling e b2b

Lo storytelling marketing, ovvero il marketing della narrazione, esiste in diverse “declinazioni”: corporate storytelling, digital storytelling, visual storytelling sono tutte tecniche innovative di narrazione che trovano la loro efficacia anche in ambito b2b.

Così, anche quando la narrazione è rivolta al “pubblico” dei dipendenti, della forza vendita o del top management l’obiettivo è il loro coinvolgimento in quelli che sono i valori stessi del brand. Non dimentichiamo che proprio i dipendenti possono essere efficaci brand embassador e che da questo punto di vista si muove con coerenza la comunicazione aziendale interna, l'incentivazione e ovviamente gli eventi corporate.

 

Storytelling ed eventi aziendali

Dove si inserisce l’evento in questo contesto? Anche per un evento aziendale è possibile fare storytelling, raccontare cioè una storia coerente con il brand. Il prodotto narrativo “evento” avrà una struttura tale da ricreare e trasmettere l’universo emotivo ed empatico del brand.

Per farlo si dovrà prima di tutto individuare il target al quale l’evento aziendale è rivolto (dipendenti, management, top client, forza vendita e così via) e individuare gli obiettivi. Da qui sarà possibile lavorare sulla “storia” che si vuole raccontare.

Si individua un oggetto del racconto e gli si costruisce intorno l’evento in maniera coerente. Non solo, anche il follow up ha un ruolo fondamentale nell’espandere, amplificare e rafforzare l’impatto del racconto, e la sua memorabilità. Per questo nel design dell’evento, nulla va lasciato al caso. Nemmeno, per esempio, gli interventi dei relatori, che non potranno usare racconti e metafore lontano dall’universo narrativo pianificato. Insomma, la trama va rispettata, in maniera coerente e al contempo naturale, senza forzature ma anche senza andare troppo “fuori tema”.