2604

Location
per eventi

12090

Sale
meeting

312

Agenzie
e servizi

10641

Articoli
e recensioni

Gamification negli eventi aziendali: perché fare giocare i partecipanti

Gamification negli eventi aziendali: perché fare giocare i partecipanti

Utilizzare le tecniche del gioco per fare marketing, formazione, ingaggiare i dipendenti e reclutare nuovi collaboratori. Tutto questo è gamification, ovvero la ludicizzazione di qualcosa che con il gioco non c’entra nulla, che però utilizza i suoi meccanismi applicandoli a una situazione estranea.

Questa “tecnica”  assimilabile ad altre del "learning by doing" può essere applicata anche durante un live event e l’organizzatore potrà utilizzarla in diverse modalità e con scopi differenti. Ma prima capiamo un po’ di più di cosa si tratta.

Gamification e i brand

La gamification viene usata in diversi ambiti del marketing e del web marketing, trovando nel mondo digital un preziosissimo assist, grazie al quale le aziende possono raggiungere i propri clienti in maniera facile e diretta, proprio attraverso “giochi” proposti per esempio sui social o con le app.

Organizzare una campagna di gamification significa ideare un “videogame” che prenda in considerazione per esempio:

  • Livelli di gioco (come per i videogiochi)
  • Sfide e competizioni
  • Sistema di punteggio con score finale
  • Premi

Tutto ciò con una finalità che non sia semplicemente il gioco in sé, ma che – in ambito b2c – porti il cliente a conoscere un prodotto, dare suggerimenti, farsi esso stesso ambasciatore del brand, e così via.

Un esempio semplice ma efficace è quello della catena di caffè Starbucks, che con la campagna di gamification “Starbucks Reward” ha puntato sulla fidelizzazione della clientela. Il cliente registrato riceve punti ogni volta che fa una consumazione e alla fine ottiene una consumazione gratis. Fin qui niente di diverso da una carta punti fedeltà, ma la differenza è che tutto è disegnato come un videogioco. A ogni consumazione la app registra i punti animando una tazzina da caffè che si riempe e il cliente si muove attraverso livelli di gioco, e quindi di “fidelizzazione” all’interno del game.

Gamification in azienda: dalla motivazione alla formazione

Le aziende utilizzano la gamification per coinvolgere i loro clienti ma anche i loro dipendenti. La gamificazione viene utilizzata nella formazione e nell’addestramento del personale, ma anche come leva di ingaggio per aumentarne produttività, coinvolgimento e performance.

Un esempio su tutti? La gamification della Us Army, che ha lanciato, non senza polemiche, un vero e proprio tool che mette alla prova i candidati, anche se solo virtualmente, sfidandoli a misurare la loro resistenza in determinate situazione per capire se hanno “la stoffa” del soldato.

Ma tornando a un livello più “quotidiano”, parlando di coinvolgimento e ingaggio trovate qualcosa in comune con il mondo degli eventi? Ovviamente la risposta è affermativa!

Ecco perché la gamification può essere utilizzata come strumento efficace anche durante un evento nel quale si voglia ingaggiare i partecipanti coinvolgendoli non solo dal punto di vista del “divertimento”.

Gamification negli eventi: qualche esempio pratico

Non dobbiamo dimenticarci che il fine ultimo della gamificazione non è “giocare”, ma ottenere un risultato attraverso il gioco.

Nel caso di un evento aziendale organizzato per il lancio di un nuovo prodotto per esempio – o come follow up del launching – si potrebbe organizzare un vero e proprio quiz per capire quanto la rete vendita ha compreso e appreso sul prodotto stesso.

Per questo, come per altri casi tra cui il classico gioco dell’oca - che può celare a ogni tappa un “messaggio” in linea con gli obiettivi dell’evento stesso – possono essere utilizzate versioni “analogiche”, soprattutto se l’intenzione è dare al vostro evento un po’ “vintage”.

Ma è con il digitale che la gamification può dare il suo meglio in termini di design e di community, anche  durante un evento. E questo non significa che dovrete spendere tutto il vostro budget in app complicate.

Potreste infatti ingaggiare i partecipanti di un evento con un semplice hashatg e prevedendo premi per il partecipante più “attivo” sui social. Per essere più efficaci potreste anche prevedere un particolare hashtag per un momento specifico, quello clou della serata, che magari rimandi al vero tema dell’evento. Il premio potrebbe andare al primo che pubblica un post, e ricordate sempre che i meccanismi del “gioco” devono essere sempre presenti.

 

Riassumendo

La gamification negli eventi aziendali serve a:

  • Ingaggiare i partecipanti
  • Creare senso di community
  • Incoraggiare la proattività
  • Elevare il livello di memorabilità dell’evento
  • Facilitare la comunicazione
  • Fare divertire i partecipanti
  • Stimolare la collaborazione
  • Creare obiettivi comuni