2604

Location
per eventi

12090

Sale
meeting

312

Agenzie
e servizi

10641

Articoli
e recensioni

Dai Grammy agli Oscar: ecco le tendenze che ispirano il tuo evento

Dai Grammy agli Oscar: ecco le tendenze che ispirano il tuo evento

Puntuale come ogni anno è tornata la stagione delle premiazioni, aperta a gennaio con i Golden Globe e i Grammy Awards, in attesa del gran finale a marzo con i premi Oscar. Questo è il momento migliore per osservare gli after party più esclusivi del mondo e cercare di imparare i trucchi e le nuove tendenze che arrivano dai colleghi oltreoceano. Nonostante i budget a disposizione nell'industria dello show business siano inavvicinabili, ecco come ispirarsi agli eventi più glamour del cinema e della musica per organizzare il tuo meeting aziendale.

 I Golden Globes e l'impegno sociale

Nel mezzo dello scandalo Weinstein che ha travolto Hollywood, i Golden Globes hanno dovuto fare i conti con un danno dell’immagine che ha colpito tutta l’industria cinematografica. Tra grandi assenze e polemiche in corso, gli event planner dei numerosi after party sono riusciti comunque a organizzare serate memorabili pur rinunciando a lustrini e paillettes.

Via libera al nero, quindi, indossato sul red carpet dalla maggior parte delle star solidali con le vittime di molestie sessuali. In particolare, l’evento Warner Bros & InStyle ha accolto il maggior numero di attrici in nero e gli organizzatori hanno fatto suonare in sottofondo brani di Madonna come “Like a Prayer” e canzoni struggenti di Tina Turner in grado di creare dei momenti perfetti per utilizzare l'hashtag #whywewearblack.

Per chi è consigliato lo stile Golden Globes

per eventi che vogliono esprimere solidarietà a una giusta causa, oppure che si tengono in un momento difficile per l'azienda. Questo tipo di eventi, poi, dimostra che la scelta del tema può essere dettata anche da un hashtag che sappiamo già che verrà utilizzato dai convenuti.

L’eleganza dei Grammy Awards

Stile completamente diverso, invece, per i Grammy Awards che quest'anno sono tornati a New York dopo ben 15 anni di assenza. Per celebrare non solo il grande ritorno, ma anche il sessantesimo anniversario della manifestazione, bisognava creare un evento che rispondesse a enormi aspettative da parte del pubblico e della critica.

La Recording Academy ha organizzato uno degli after party più sontuosi di tutti e l’event planner Branded Chapman ha spiegato di aver accolto così la faticosa eredità: "Volevamo mantenere uno stile classico, semplice ed elegante. Abbiamo scelto una tavolozza di colori che va dal nero all'oro, passando per l'argento e il bianco, con una forte presenza di punti luce per celebrare rispettosamente la ricorrenza". 

La scelta è stata quindi di puntare tutto sull'eleganza, scegliendo dei colori sobri ma di sicuro impatto. Scontata la presenza dei diamanti, simbolo di ogni sessantesimo anniversario che si rispetti.

Per chi è adatto lo stile Grammy

Per gli eventi che non temono rivali, non scendono a compromessi e hanno una forte brand identity.

Il menu degli Oscar

Per quanto riguarda gli Oscar, invece, anche quest'anno, l'after party per eccellenza sarà quello organizzato da Vanity Fair. Per la terza volta di seguito, l'evento sarà ospitato in una struttura costruita appositamente di fianco al Beverly Hills City Hall. Con un red carpet che accoglierà gli ospiti più esclusivi del jet set e i convenuti disposti a spendere centinaia di migliaia di dollari per la serata di gala, sarà davvero difficile replicarne l'atmosfera.

L'unica cosa che si può copiare dal party più invidiato dell'anno è il menù: quest'anno sarà quasi tutto a base di avocado. Un'altra idea da salvare dall'evento Vanity Fair è il Photo Booth, un angolo allestito per convincere gli invitati a fare più foto, dove si possono trovare cornici giganti, maschere e oggetti vari.

Per chi è adatto lo stile degli Oscar

Per chi punta talmente in alto che non può evitare un pizzico di ironia. 

Adesso non resta che scegliere lo stile più adatto all’evento che si vuole organizzare e lasciarsi ispirare dagli after party della musica e dello spettacolo. Quello che conta, però, è non dimenticare di restare sempre fedeli a se stessi e aggiungere un tocco personale!