2604

Location
per eventi

12090

Sale
meeting

312

Agenzie
e servizi

10641

Articoli
e recensioni

Grand Hotel Tremezzo, Silvio Vettorello è il nuovo general manager

Grand Hotel Tremezzo, Silvio Vettorello è il nuovo general manager

Si chiama Silvio Vettorello il nuovo general manager del Grand Hotel Tremezzo sul Lago di Como.

33 anni, ligure con radici emiliane, l’esordio di Vettorello, ancora ragazzo, è nel segno dell’accoglienza italiana esclusiva, Splendido e Splendido Mare Portofino. Passaggio a Firenze, Savoy e Four Seasons, quindi Ginevra, Hotel Des Bergues dove gli ospiti sono gli ospiti delle Nazioni Unite, capi di Stato e dove fa un incontro speciale con la Regina Rania di Giordania.

Nel 2011 Vettorello torna in Italia per il pre opening e l’opening dell’Armani Hotel Milano in qualità di Lifestyle Manager. Cambio di paesaggio e nel 2013 il neo general manager entra nel Grand Hotel Tremezzo. “Subito ho sentito quella grandeur di inizio secolo, che ancora oggi seduce e rende inimitabile il soggiorno al Grand Hotel Tremezzo” ricorda Vettorello.

La carriera è veloce, Operation Manager, Hotel Manager, e oggi General Manager. “A guidarmi in questi anni è stato lo stile della famiglia De Santis, che con raffinatezza, amore delle tradizioni e profonda conoscenza del territorio e delle sue eccellenze ha esaltato e portato ai vertici l’antico splendore di questo magnifico Palace”.

Tra i progetti per i prossimi mesi :“Impreziosire ancora di più la qualità già altissima del servizio. E poi mi piacerebbe che i nostri ospiti scoprissero in ogni stagione l’immensa ricchezza della Tremezzina, dalle ville, e noi vantiamo una perla del Settecento, Villa Sola Cabiati, ai borghi storici sulle pendici delle montagne, e ancora i giardini segreti, le passeggiate di pura emozione, dal Sacro Monte di Ossuccio, patrimonio Unesco, a San Martino di Griante, e ancora i capolavori di un artigianato millenario, e penso alla seta. Io stesso mi considero un ospite di questo piccolo paradiso. E ogni giorno sento che qui vivo di bellezza” conclude Vettorello.