3274

Location
per eventi

14655

Sale
meeting

343

Agenzie
e servizi

11249

Articoli
e recensioni

Congressi medico-scientifici il segmento più solido della meeting industry

Congressi medico-scientifici il segmento più solido della meeting industry

Nello scenario della meeting industry quello dei congressi medico-scientifici ha dato prova di essere il segmento più solido anche in tempi di crisi. Un settore, questo, che richiede un’alta professionalità sia per quanto riguarda i tecnicismi legati all’organizzazione sia per la necessità di avere degli interlocutori altamente preparati in tutte le fasi del congresso, dall’analisi dei bisogni formativi all’individuazione degli argomenti, dalla scelta delle modalità didattiche da utilizzare alla precisazione dei criteri di valutazione.

Per avere un’istantanea dello stato dell’arte del mercato dei congressi medico-scientifici abbiamo dato la parola a un professionista del settore di grande esperienza, Mauro Zaniboni (nella foto), fondatore e presidente di MZ Group.

Possiamo definire quello dei congressi medico-scientifici come un mercato ancora florido?

Sicuramente possiamo affermare che questo specifico mercato non ha conosciuto una vera e propria crisi rispetto al settore congressuale in generale e anche laddove ha potuto registrare dei cali, si è trattato comunque di perdite del tutto relative in uno scenario che ha messo in difficoltà altre tipologie di eventi, come gli incentive e i meeting aziendali, che hanno fatto registrare importanti cali. Diciamo che per quanto riguarda i congressi medico-scientifici si può affermare che la flessione c’è stata nella misura in cui le crescite registrate sono state non più a due, ma a una cifra. Questo anche grazie al fatto che per le aziende del settore medicale, di diagnostica e le aziende farmaceutiche è impossibile tagliare completamente questa tipologia di spesa e che anche laddove ci siano state riduzioni importanti di budget queste hanno portato a tagli perlopiù negli eventi più piccoli, e non nell'organizzazione dei grandi convegni annuali. Anzi, qualche restrizione in tal senso ha permesso a mio avviso una razionalizzazione che era da tempo necessaria.

Cosa manca al settore dei congressi medico-scientifici?

Per esempio a oggi non c’è un database che riunisca tutti gli eventi, e anche l’elenco degli eventi specificatamente ECM (educazione continua in medicina, ndr) non è mai davvero completo. Mancano inoltre dati statistici su questo specifico segmento congressuale, una lacuna che Federcongressi&eventi si è impegnata a colmare a breve ma che fino a ora ha sempre costituito un ostacolo all’evoluzione stessa di questa specifica industria.

Il settore è evidentemente composto da professionisti dalle specifiche competenze, ma nel mare magnum delle normative che lo regolano, capita che ci siano difficoltà di orientamento?

Di fatto capita che ci siano normative che rimangono nell’ombra e che però, una volta che si ignorano, possono causare mille difficoltà. Un caso spinoso è per esempio il decreto legislativo 165 che riguarda l’invito dei dipendenti pubblici per partecipare con una retribuzione a un congresso come relatore. E poi come è noto ci sono i codici etici delle associazioni di settore, come Assobiomedica e Farmindustria, che con le loro normative spesso limitano il settore fino a danneggiarlo in maniera importante. Una presa di posizione che non cambia se dall’Italia ci spostiamo in Europa dove, pare, a partire dal 2017 ci saranno nuove restrizioni che riguardano le partecipazioni ai congressi medici, anche se per ora non si sa molto di più.

In questo scenario quanto conta poter accedere a informazioni chiare e puntuali?

Direi moltissimo, soprattutto per i medici e le associazioni di settore che sono i committenti di gran parte degli eventi medico-scientifici e corsi ECM che si tengono ogni anno in Italia. Hanno massima competenza nel proprio campo, ma ovviamente non sono tenuti a conoscere la best practice e i vincoli che sottendono all'organizzazione di questa specifica e delicata tipologia di eventi. In tal senso è una buona notizia che Ediman stia preparando una pubblicazione dedicata (La Guida ai Congressi Medico-Scientifici, ndr) che distribuirà a tutti i decision maker di questo mercato: sarà di grande aiuto ai medici e alle associazioni che potranno finalmente contare su una guida d'orientamento all'organizzazione e a noi provider perché potremo contare su nuovi clienti più preparati in materia.