2892

Location
per eventi

13453

Sale
meeting

314

Agenzie
e servizi

10840

Articoli
e recensioni

7 film che gli organizzatori di eventi non possono perdersi

Vi è mai capitato di guardare un film e di riuscire a immedesimarvi completamente con il protagonista? Oppure di pensare: “Questo film è stato fatto per me”? Bene. Perché il potere della pellicola è immenso, pervasivo e colpisce nel profondo come poche cose al mondo. Dopo tutto, come spesso si sente in giro, la vita è come un film, lo hanno detto in tanti e l'abbiamo pensato anche noi. Ma non vogliamo arrivare a chissà quali conclusioni filosofiche, ci fermiamo molto prima. Vogliamo semplicemente darvi qualche suggerimento, che siate cinefili o no.

Ci sono infatti diversi lungometraggi che in un modo o nell'altro possono esservi utili per il vostro lavoro di meeting planner, vuoi perché parlano di questo mestiere bello e complicato o ancora meglio di quei sentimenti, di quelle abilità e di quelle sensibilità che bisogna avere per farlo al meglio. Siete curiosi?

Ecco i film che il meeting planner dovrebbe assolutamente vedere.

Man on Wire - Un uomo tra le Torri 
Ci sono lavori che necessitano di tanta dedizione e anche di un pizzico di follia per riuscire a portare a termine un progetto, che magari sulla carta è molto difficile, ma che quando viene realizzato, non c'è soddisfazione maggiore. Lo capirete guardando un bellissimo documentario diretto da James Marsh nel 2008 che racconta la grande impresa di Philippe Petit, il funambolo che nel 1974 camminò tra le Torri Gemelle del World Trade Center su un cavo metallico teso tra i grattacieli. Il film si ispira al film autobiografico di Petit, dal titolo “Toccare le nuvole”.

Jobs
A proposito di follia, ricordate quel signore che diceva “Stay Hungry, Stay Foolish”. Nel film di Joshua Michael Stern del 2013 viene ripercorsa la vita di uno dei personaggi che più hanno ispirato l'organizzazione aziendale (e non solo) al mondo, Steve Jobs. Il film incomincia proprio con Steve Jobs che nel 2001 presenta l'iPod in occasione di una riunione alla Apple Town Hall.

The First Monday in May
Questo docu-film è stato presentato per la prima volta nel 2016 in occasione del Tribeca Film Festival, la manifestazione fondata nel 2002 a seguito degli attentati alle Torri Gemelle che ha tra i creatori anche Robert De Niro. Il documentario firmato da Andrew Rossi racconta il dietro le quinte di due degli eventi culturali più importanti a New York e in tutti gli Stati Uniti: la realizzazione dell'attesissima mostra di moda “China: Through The Looking Glass” realizzata dal The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art e il Met Gala del 2015, evento di beneficenza frequentato da star internazionali del calibro di Rihanna. Nel documentario potrete seguire l'organizzazione dell'evento insieme a Anna Wintour, redattore-capo di Vogue e di Andrew Bolton, il curatore della serata di gala.

Motel Woodstock
Quali altri grandi eventi vi vengono in mente, di quelli che hanno cambiato per sempre almeno la storia della musica (e non solo)? Tra essi ci sarà sicuramente il mitico concerto di Woodstock, che nel 1969 fu una sorta di manifesto della cultura hippie di allora. Motel Woostock, diretto da Ang Lee nel 2009 e ispirato al romanzo autobiografico Taking Woodstock: A True Story of a Riot, Concert, and a Life, di Elliott Tiber lo racconta attraverso le vicende del protagonista, un giovane gestore di un motel che vive e lavora con la famiglia nei pressi di New York e diventa d'improvviso uno degli organizzatori del mega-evento.

Marina Abramovic: The Artist is present
Questo raffinato film di Matthew Akers e Jeff Dupree ha seguito l'icona della perfoming art mentre per tre mesi e per sette ore al giorno, in occasione della retrospettiva al MoMa di New York a lei dedicata, è rimasta seduta a un tavolo, davanti a una sedia vuota che di volta in volta è stata occupata da chiunque lo desiderasse. Tra le persone che si sono volute sedere di fronte a lei anche l'ex compagno storico, Ulay, per un momento di intensità indescrivibile. Un film che pone una riflessione sul significato di cosa si intende per “evento” e sulle sue diverse possibili declinazioni, ma che di sicuro ha potenzialità enorme per il semplice fatto di fare accadere qualcosa.

The Interpreter
Guai a sottovalutare il lavoro dell'interprete! Tra il serio e il faceto vi consigliamo questo film che vede come protagonista Nicole Kidman nei panni di un'interprete che ascolta per errore qualcosa di molto compromettente, tanto da condizionarle per sempre la vita...

Il secondo tragico Fantozzi
Se diciamo corazzata Potemkin chi non pensa a Fantozzi? Ricordate i poveri impiegati costretti a guardare per l'ennesima volta il film mentre in televisione viene trasmessa la partita di calcio valevole per le qualificazioni ai mondiali Inghilterra-Italia? Il cineforum è una sofferenza e gli impiegati non pensano che alla partita... la morale: quando organizzate un evento ricordatevi di controllare che non ce ne sia un altro di comune interesse (come una finale di calcio), nessuno lo apprezzerebbe!


E con questo abbiamo concluso in maniera scherzosa la nostra carrellata di, speriamo buoni, consigli. Se avete suggerimenti o se secondo voi ce ne siamo dimenticati qualcuno scriveteci, allungheremo insieme la lista!