2827

Location
per eventi

13202

Sale
meeting

316

Agenzie
e servizi

10802

Articoli
e recensioni

10 cose da sapere per gestire un evento in più lingue (o se il vostro evento fosse un film)

10 cose da sapere per gestire un evento in più lingue (o se il vostro evento fosse un film)

Se il vostro evento fosse un film? Senza dubbio voi event manager sareste i registi e vostro sarebbe anche il compito di scegliere la location giusta, un po' come fa il direttore della fotografia. Aggiungete degli ottimi protagonisti (relatori) e avete tutto quello che vi serve per un film da Oscar!

Questo se il relatore e la platea parlano la stessa lingua... ma cosa succede se il film è in lingua straniera?

Personalmente, lavoro da anni per una agenzia di traduzioni e interpretariato. Eppure, di fronte a un film straniero cerco sempre la versione italiana. Non capita anche a voi?

A meno di non aver vissuto all’estero, pochissime persone sanno cogliere le sfumature e i modi di dire dei dialoghi; statisticamente, in riferimento alla lingua inglese, si parla solo del 5% della popolazione italiana.

Ascoltare uno relatore parlare in una lingua diversa dalla propria, inoltre, crea uno stress cognitivo da 2 a 5 volte superiore al normale e questo si traduce in livelli di attenzione sensibilmente più bassi. Come risolvere il problema? Semplice, selezionate la lingua italiana! Che, tradotto nel linguaggio degli eventi, significa: prevedete un servizio di interpretariato in simultanea per il vostro evento.

                                  
Come gestire al meglio un evento multilingue

1 - L’interprete non legge!
Molti pensano che gli interpreti leggano in lingua un copione già scritto. Niente di più sbagliato! Come gli ascoltatori, non sanno in anticipo quello che dirà il relatore. Ecco perché il cervello di un interprete, durante il suo lavoro di traduzione simultanea, processa una quantità di informazioni mostruosa, ben superiore a quella di qualsiasi microprocessore. Eppure non sarebbe possibile né corretto paragonare un interprete ad un computer. Il suo lavoro è più simile a quello di un artista o dello stesso relatore. Inoltre, l’esperienza è fondamentale: esattamente come per i piloti di aerei, è importante avere un buon “rodaggio” alle spalle. Per i piloti si tratta di ore di volo con diversi velivoli, per gli interpreti si tratta di ore di traduzione simultanea con differenti relatori e argomenti trattati.

2 - Da una lingua all’altra e viceversa
Gli interpreti professionisti traducono simultaneamente le due lingue, sia in una direzione che in quella opposta. Poniamo ad esempio un congresso in cui il relatore parli in inglese (lingua passiva): l’interprete tradurrà verso l’italiano (lingua attiva). Ma in caso di interventi dal pubblico, sarà capace di tradurre per lo relatore dall’italiano all’inglese le eventuali domande o i contributi. Se vedete 2 interpreti in cabina, non è perché ognuno fa una lingua, ma perché… leggete il punto 6!

3 - Come scegliere l’interprete
Le agenzie di servizi linguistici sono essenziali, perché lavorando quotidianamente nel settore conoscono gli interpreti e il loro livello di preparazione a seconda degli argomenti trattati. Inoltre, la gestione degli imprevisti è fondamentale: nel caso in cui un interprete dovesse mancare all’ultimo minuto a causa di una malattia, chi meglio di un fornitore di servizi di interpretariato può trovare un nuovo professionista disponibile a tempo di record?

4 - Gli interpreti si preparano in anticipo!
Per svolgere al meglio il suo lavoro, l’interprete deve ricevere qualche giorno prima tutto il materiale testuale a disposizione per preparare il glossario in anticipo. Questo vale in particolar modo se durante l’evento si parlerà di argomenti tecnici.

5 - Trattativa, chuchotage e simultanea: quale interpretariato preferire
Dipende dal tipo di evento e dal numero di persone. Per semplificare, però, possiamo dire che per un convegno è consigliata la traduzione simultanea, in quanto la traduzione avviene realtime, anche se sono necessari gli impianti audio. Per una trattativa one-to-one è preferibile lo chuchotage, dove l’interprete è a fianco agli ascoltatori, ai quali trasmette a bassa voce la traduzione. Per una tavola rotonda di poche persone o meeting informali è possibile fare sia una simultanea sia una trattativa. In quest’ultima modalità, l’interprete memorizza brevi passaggi e li traduce nella lingua desiderata. Chiedete comunque consiglio al project manager dell’agenzia che vi fornisce il servizio: vi saprà consigliare la migliore modalità rispetto al contesto.

6 - Una staffetta vincente!
Quello dell’interprete è un lavoro altamente stressante. Per mantenere costante l’ottimo livello di interpretariato durante una simultanea, un professionista ha bisogno di staccare la spina ogni 30 minuti. Ecco perché è sempre meglio avere due interpreti a disposizione contemporaneamente. Nel caso in cui un evento prevedesse un interpretariato di trattativa o consecutiva allora potrà bastare un solo traduttore.

7 - L’habitat di un interprete… anche la visuale è importante
Dipende principalmente dal tipo di interpretariato. In alcuni casi deve stare in una cabina insonorizzata, in altri è sul palco insieme ai relatori, in altri ancora è tra il pubblico, ma due cose sono certe: l’interprete deve sempre poter ascoltare chiaramente e avere contatto visivo di chi deve tradurre

8 - Se la sala non è predisposta? ...abbiamo una soluzione
Se la sala non ha una cabina insonorizzata e un impianto di simultanea, nessun problema: è possibile usare il bidule, un’apparecchiatura portatile che comprende un impianto di simultanea composto da valigette contenenti 20 auricolari l’una per il pubblico e il microfono (trasmettitore) per l’interprete. È una soluzione che ben si adatta al caso in cui ci fosse un numero limitato di ascoltatori.

9 - Le cuffiette costano! ...ecco il nostro consiglio
Se noleggiate le cuffiette da un service o agenzia di interpreti, il consiglio è quello di prendere le carte d’identità di coloro che richiederanno le cuffie per la traduzione. Sarà l’unico modo per riaverle indietro tutte ed evitare costi causati da smarrimento.

10 - Un lavoro speciale
Amano essere isolati, non sempre accettano di avere una persona stia a fianco a loro. Ma se potete provate a mettervi 5 minuti a fianco a un interprete mentre svolge il suo lavoro e scoprirete la bellezza di questo lavoro speciale!

----

Claudio Negri - Way2Global Srl SB

Nel bicchiere di uno shaker versate 1/3 di Marketing & SEO, 1/3 di Traduzione & simultanea, 1/3 di Growth Hacking & ASP. Shakerare per 15 secondi e versare.  Guarnite con una fetta di blockchain e Gestione Eventi.  claudio.negri@way2global.com