3116

Location
per eventi

14162

Sale
meeting

340

Agenzie
e servizi

10979

Articoli
e recensioni

Event planner, cosa fai con un’ora di luce in più?

Event planner, cosa fai con un’ora di luce in più?

La luce è finalmente protagonista delle nostre giornate e anche quelle passate davanti a un computer sono, tutto sommato, un po’ più leggere con il sole. Ma la cosa più bella di questo periodo è che – a meno che siate in uno in quei momenti in cui la giornata lavorativa finisce a mezzanotte – quando smettete di lavorare è ancora giorno.

Tutto merito dell’ora legale che ci ha fatto portare avanti le lancette di un’ora, con l’effetto che, la sera, viene buio più tardi.

Sapete che il primo a parlare di risparmio energetico legato al cambio dell’orario fu lo scienziato Benjamin Franklin? In Italia l’ora legale fu ufficialmente introdotta nel 1916, ma con l’Unione Europea e il recente referendum le cose potrebbero cambiare. Il 2021 potrebbe infatti essere l’ultimo anno in cui sposteremo le lancette due volte, questo a seguito di una consultazione popolare che ha ricevuto 4,6 milioni di risposte di cui l’84%  è risultato favorevole a non avere più cambiamenti di orario.

La questione per ora è ancora aperta, anche se il Parlamento europeo ha appoggiato la proposta della Commissione di abolire il cambio tra ora legale e ora solare e gli Stati Membri potranno comunque decidere come comportarsi, a quanto viene riportato dalle maggiori testate.

Tutto questo nasce dal fatto che in alcuni Paesi europei, soprattutto quelli a Nord, l’ora legale non porta quegli effetti evidenti di risparmio che invece sono più evidenti a Sud, dove il sole tramonta prima.

Ma qui da noi, risparmio energetico a parte, gli effetti dell’ora legale si notano, eccome.

Per esempio, provate anche voi la voglia - dopo ore trascorse a occuparvi di mille cose come organizzatori di eventi – di concedervi un po’ di svago con più luce? O comunque di dedicarvi un po’ più di tempo?

Abbiamo il dubbio che non siano molti i meeting planner – noti stacanovisti - che approfittano delle giornate più lunghe per ritagliarsi del tempo libero, perché si sa, il lavoro prima di tutto…

Eppure vogliamo immaginare (e suggerirvi) le cose che potreste fare in quel tempo – di luce solare – che passa tra la fine della giornata lavorativa e il tramonto. Magari non sempre, oltre a quelli lavorativi, ci sono gli impegni familiari, i figli, ecc. Ma ‘sognare’ è gratis, e ci piace pensare che ogni tanto capita che i buoni propositi si trasformino in abitudini.

La vita (ideale) del meeting planner con l’ora legale

  • Aperitivo all’aperto per osservare il mondo: perché no? Uscite dall’ufficio o finite presto una riunione con un cliente o un fornitore e il sole splende ancora nel cielo? Sedetevi a un tavolino all’aperto di un bar della vostra città, guardatevi intorno, osservate le persone e magari, vi potrebbe addirittura venire qualche ispirazione per il vostro prossimo evento.
  • Corsa e yoga contro lo stress: cosa c’è di meglio di un po’ di running per stare all’aria aperta facendo sport? Certo, se vivete o lavorate vicino a un parco potreste fare anche yoga o tai chi all’aperto, funziona benissimo contro lo stress da event planning, e potreste apprezzarlo talmente da proporlo anche ai team come attività outdoor.
  • Cura del verde, metafora di vita: prendersi cura delle piante del vostro terrazzo – ma va bene anche una piantina di geranio sul davanzale della finestra – vi aiuterà a concentrarvi su qualcosa di diverso rispetto al vostro lavoro, qualcosa di piacevole e di grande soddisfazione, perché vedere una pianta prosperare grazie al vostro aiuto, sarà un po’ come una metafora per voi planner, che vedere ogni vostro evento come una vostra creatura J
  • Ampi spazi, vero relax: avete la fortuna di abitare al mare oppure in un posto pieno di natura? Trovate un angolo dove scrutare l’orizzonte, lasciando liberi i pensieri. E se proprio vivete in città, va bene anche una terrazza…
  • Letture all’aperto: sì, una bella panchina in un parco e un buon libro. Concedetevelo!
  • Eventi in città: se non lo fate voi meeting planner, chi dovrebbe farlo? Nella bella stagione, e anche grazie al fatto che c'è luce fino a tardi, festival ed eventi si moltiplicano nelle nostre città, perché non approfittarne?