3066

Location
per eventi

13993

Sale
meeting

333

Agenzie
e servizi

10960

Articoli
e recensioni

Invito alla colazione di lavoro, ma non è un breakfast meeting

Invito alla colazione di lavoro, ma non è un breakfast meeting

Sembra uno di quei dettagli a cui nessuno fa caso, ma non è per nulla così. Un comune mortale che riceve un invito per una “colazione di lavoro” è tentato di presentarsi per le 8,30/9 e aspettarsi cappuccio e cornetto. E invece no, l’invito è per il pranzo. Eppure, se ci pensate bene, quando indichiamo di fare qualcosa “dopo pranzo” nessuno ha dubbi che ci stiamo riferendo al pomeriggio. E allora perché sull’invito si scrive “colazione di lavoro”?

Perché si dice colazione di lavoro

Il pasto che si consuma intorno alle 13 si chiama pranzo, almeno nel linguaggio comune. Se pensavate di non avere dubbi in merito, siete stati pronti a ricredervi quando avete ricevuto -  o mandato - il vostro primo invito a una colazione di lavoro (ma) per l’ora di pranzo.

Partiamo dalle definizioni. Nell’antica Roma il termine prandium indicava il pasto principale, senza indicazioni di orario. Originariamente i pasti erano tre: colazione – dopo il risveglio – pranzo principale e cena. Poi le cose si sono complicate. Tutta colpa della vita moderna che a partire dai tempi della Rivoluzione francese pian piano ha spinto il pasto principale sempre più tardi nel pomeriggio fino a fare “slittare” la colazione a metà giornata. Così, se prima c’erano tre pasti poi se ne sono contati almeno quattro: prima colazione, colazione, pranzo e la cena, che è diventata il pasto eventuale dopo il teatro o un appuntamento serale mondano.

Oggi il termine colazione per indicare il pranzo è rimasto in alcune occasione più formali, come appunto la colazione di lavoro che secondo la definizione della Treccani è un “pranzo leggero e rapido che interrompe solo brevemente una riunione di lavoro e durante il quale spesso si continuano a trattare i problemi in discussione”.

Si può dire pranzo di lavoro?

Certamente. Se dovete scrivere un invito e non sapete se indicare “colazione” o “pranzo” di lavoro potete rifarvi al contesto. Se la situazione non è molto formale andrà benissimo scrivere pranzo di lavoro oppure, per chi ama gli inglesismi, business lunch.

Il menu per la colazione di lavoro

Mangiare cibi succulenti in abbondanza durante una colazione di lavoro è cosa decisamente superata. I menu di un business lunch sono sempre più sani e leggeri, prevedono poche portate e sono piuttosto rapidi. Ma come per i termini, anche i menu si differenziano per contesti. Se state organizzando una colazione di lavoro ci si aspetterà un menu più formale, possibilmente non un buffet, per esempio. 

E i breakfast meeting?

Se per colazione intendete proprio invitare i partecipanti a una riunione a inizio giornata accompagnata da yogurt, cereali, succhi, caffè, cornetti e biscotti, allora è tutta un’altra storia. In questo caso meglio specificare perché le dinamiche di una riunione a colazione sono tutte diverse e fare attenzione ad alcuni dettagli, come:
  • location: scegliere la location per un breakfast meeting significa valutare almeno due caratteristiche, la posizione - che deve essere la più comoda possibile per tutti i partecipanti, visto che dovranno muoversi di prima mattina - e l'atmosfera, che dovrà essere la più rilassante possibile per un ottimo inizio di giornata.
  • numero di partecipanti: organizzate un breakfast meeting per un numero ridotto di partecipanti se quello che proponente è un ordine del giorno preciso. 
  • team building: un breakfast meeting è un'ottima occasione per rafforzare lo spirito di un team che deve affrontare una giornata di lavoro insieme. 

Come scrivere l'invito per una colazione di lavoro e un breakfast meeting

Se non volete rinunciare al termine "colazione di lavoro" assicuratevi di indicare in maniera inequivocabile e visibile nell'invito l'orario del meeting. Se invece il vostro invito è per una riunione all'ora di colazione potete cedere all'esterofilia e utilizzare il termine breakfast meeting (del resto quest'abitudine proviene proprio dal mondo anglossasone) ma in ogni caso anche qui è meglio specificare l'orario in maniera molto visibile e magari specificare anche che verrà servita la colazione.