3116

Location
per eventi

14162

Sale
meeting

340

Agenzie
e servizi

10979

Articoli
e recensioni

Lavorare fuori ufficio: cosa serve ai meeting planner

Lavorare fuori ufficio: cosa serve ai meeting planner

Sempre più persone preferiscono, se possono, alternare il lavoro in ufficio e a casa, ma se lo smart working propriamente detto permette a un lavoratore di evitare traffico e dress code formale e di lavorare da casa almeno per qualche giorno alla settimana, non mancano anche i liberi professionisti che scelgono di lavorare in co-working attrezzati, ma anche di mettersi al computer in luoghi diversi dalla classica scrivania.

Quelli che di lavorare praticamente ovunque ne hanno fatto un'abitudine si chiamano nomadi digitali o remote worker, si connettono ovunque, lavorano da qualsiasi dispositivo, accedono ai loro documenti in cloud, condividendoli in tempo reale con persone fisicamente lontane, e così via. Insomma, sfruttano al massimo quello che il digitale permette loro di fare.

E se siete organizzatori di eventi, potrebbe esservi già capitato di scegliere di lavorare in un parco abbandonando in un pomeriggio di sole la vostra scrivania, o più verosimilmente, potreste avere l’esigenza di portarvi avanti col lavoro tra una riunione e l’altra, magari rispettivamente ai due capi opposti della città, oppure di ottimizzare il tempo – mai a sufficienza! – durante un viaggio in treno mandando e rispondendo mail, vagliando offerte di nuovi fornitori, inviando preventivi ai vostri clienti, oppure lavorando alla pianificazione del vostro nuovo evento.

Insomma lavorare fuori dall’ufficio è una condizione oramai quasi normale. Ma per farlo al meglio, bisogna essere ben attrezzati, perché come capita per gli eventi e nel resto della vita, sono i dettagli che fanno la differenza.

Cosa non deve mai mancare nella vostra borsa insieme al computer per potere sfruttare ogni istante e lavorare praticamente ovunque?

Cosa serve per lavorare fuori ufficio (ed essere efficienti)

In generale, per lavorare fuori ufficio, oltre al computer, è necessario assicurarsi di avere tutto il necessario per non farsi cogliere impreparati.

  • Connessione wi-fi. Ovviamente se scegliete di lavorare in un co-working, anche soltanto per alcune ore, potete sfruttare la connessione del posto. Se scegliete un bar o un locale dove lavorare, assicuratevi invece che sia a disposizione. E se non avete una rete wi-fi a disposizione (soprattutto se invece del bar scegliete una panchina al parco!) ma disponete di sufficienti giga, potete scegliere l’opzione ‘hotspot’ sul vostro smartphone e utilizzarla come connessione del computer, scegliendo la rete tra le opzioni wi-fi.
  • Caricatori e power bank. Anche questo sembra scontato ma non lo è affatto. Una power bank – ovvero una batteria di scorta per i vostri dispositivi – vi salva la vita dall’ineluttabile black out. E se invece sapete che lavorerete in un luogo dove sono a disposizione prese elettriche, meglio infilare in borsa una prolunga, non è detto che siano proprio a portata del vostro computer.
  • Cuffie e auricolari. Una telefonata, il video dell’evento che il videomaker vi ha appena mandato da visionare, un podcast per approfondire qualche argomento utile al vostro lavoro di organizzatori di eventi… ma per l’audio, quando lavorate da remoto, è impossibile fare a meno degli auricolari, che vi serviranno anche per spararvi nelle orecchie la vostra musica preferita nel caso accanto a voi si sieda un “collega” troppo rumoroso.
  • Una borsa in ordine. Avete presente la scrivania piena di cartacce, resti di cibo, bicchieri del caffè vuoti? Ecco, anche se andate spesso in giro per lavoro e vi fermate a lavorare in luoghi che non sono l’ufficio, vi capiterà di riempire allo stesso modo la vostra borsa o il vostro zaino di biglietti da visita, fogli di appunti, scontrini, ecc. Per lavorare da remoto ed essere felici, però, serve ordine, anche nella borsa da lavoro! 
  • Tool e app: famosi tool di cui parliamo spesso, ovvero quegli strumenti digitali e app che vi permettono di facilitarvi la vita nell’organizzazione del tempo, delle agende e delle vostre amate check list, che hanno il vantaggio di essere consultabili ovunque e che vi abbiamo raccontato anche in questo articolo.