3218

Location
per eventi

14485

Sale
meeting

340

Agenzie
e servizi

11123

Articoli
e recensioni

Eventi promossi con gadget e gift

Eventi promossi con gadget e gift Eventi promossi con gadget e gift Eventi promossi con gadget e gift Eventi promossi con gadget e gift

EFFICACI MEZZI DI COMUNICAZIONE, OGGI ESSENZIALI ANCHE AL MICE

Messaggio indelebile, impresso su un oggetto offerto gratuitamente a un pubblico selezionato. A costi tutto sommato accessibili. Così, il “moltiplicatore chilometrico di pubblicità” induce al sorriso, genera un “grazie”. Questa, in sintesi, la funzione della Pto, la pubblicità tramite oggetto. Gadget e regali aziendali sono una presenza costante anche nel settore Mice: non c’è evento aziendale o pubblico, manifestazione, attività congressuale, incentive, conferenza stampa, fiera, workshop in occasione dei quali i partecipanti non vengano omaggiati con gadget e oggetti-regalo. Obiettivo? Acquisire consenso, far ricordare positivamente il marchio, l’azienda, il prodotto, la destinazione, lo sponsor, l’evento e via elencando.

I prodotti pensati per ogni tipo di target, personalizzabili e da abbinare alle manifestazioni, sono migliaia: shopper, bag, zainetti, marsupi, portacellulari, cartelle e cartellette, portachiavi, borse, portacarte, portablocchi, penne di tutti i tipi e costi, portabadge; e poi gli indumenti realizzati espressamente per l’occasione: felpe, cappellini, t-shirt, giubbini, giacche a vento, ombrelli, indumenti e oggetti vari per lo sport, il tempo libero, il fitness… cui si aggiunge tutta la parafernalia hi-tech, dal costo infimo sino al centinaio di euro ciascuno, e i numerosissimi articoli di ogni tipo uso e valore presenti nei cataloghi di regalistica aziendale. Anche se la maggioranza degli attori della filiera ancora sembra non apprezzarne appieno la funzione di utile strumento nella cassetta degli attrezzi della comunicazione d’impresa e di prodotto.

Tra i settori che utilizzano il gadgetting più frequentemente vi è certamente il turismo, di vacanza e d’affari. Data la loro dimensione sovente internazionale, catene alberghiere e vettori sono più portati al marketing e alla promozione e quindi utilizzatori abituali di Pto. I tour operator e le agenzie di viaggi, pur senza essere big spender, a loro volta hanno a disposizione una scelta ampia di “oggetti” che vanno dal tag per il bagaglio e al portadocumenti, ai kit da viaggio, alle innumerevoli versioni di zaini, zainetti, marsupi, borse da spiaggia, teli mare, agli immancabili cappellini, t-shirt e via elencando. E poiché in ambito Mice i più importanti TO, le maggiori AdV e la maggior parte degli alberghi in catena e no – attori a pieno titolo della filiera di fornitori di servizi turistici (ricettività, strutture congressuali e trasporti) – spesso sono a loro volta produttori di offerta business (incentive & motivation travel), anche queste categorie professionali hanno a disposizione cataloghi e un’offerta di oggettistica assai ricchi cui attingere.

Marilde Motta è owner di adpersonam, agenzia costituita nel 1985 con l’obiettivo di fornire supporto alle aziende nel relationship management e nell’attività di relazioni pubbliche. A lei abbiamo chiesto di commentare, in ottica consulenziale, differenze d’uso tra gifting e gadget e il ruolo della Pto. «In genere – chiarisce Motta – il regalo aziendale considera tutta la filiera dell’azienda, dai fornitori ai distributori. Per questo è “graduato” in relazione alla loro importanza per l’azienda, e va personalizzato perché non venga percepito come dono routinario. Il gadget, invece, oggetto superfluo ancorché di buon design e di pratica utilità ha la funzione di accattivare la simpatia verso chi lo dona. Perciò dovrebbe essere coerente con il momento e le finalità per cui l’azienda lo propone».