2951

Location
per eventi

13633

Sale
meeting

321

Agenzie
e servizi

10881

Articoli
e recensioni

Team building su due ruote: i percorsi più belli d'Europa

Team building su due ruote: i percorsi più belli d'Europa

Lasciarsi guidare dai piedi sui pedali per scoprire storie, territori, testimonianze e piccoli tesori. Un post congress o un team building in bici è una scelta perfetta sia in Italia sia in Europa. Si può scegliere di fare un percorso di più giorni soggiornando nei bike Hotel oppure preferire itinerari più brevi. Una bella idea per la primavera che ci attende. 

Le piste ciclabili in Italia, idee per il team building


Mantova-Sabbioneta: la pista ciclabile Unesco

Durante un meeting a Mantova, impossibile non farsi rapire dalle bellezze della città che ospita la casa del Mantegna, l’edicola di Virgilio e la torre dell’Orologio. Il percorso ciclabile Unesco parte dal centro cittadino e conduce, inserendosi in una natura perfetta, alla cittadina di Sabbioneta dando la possibilità di scoprire due perle inserite nel patrimonio Unesco. La pista, che regala panorami meravigliosi, è lunga 47 chilometri.  

Pedalare da Merano a Bolzano

L’Alto Adige è un territorio che ospita diversi itinerari in bici. Tra i più praticabili e interessanti figura quello che collega le due città di Merano e Bolzano. Frutteti, costruzioni antiche, borghi, castelli e fortezze medievali si offrono allo sguardo durante il percorso di 55 chilometri che si può svolgere in tre ore. Perfetto per un’attività post congress tra natura e storia.

Scoprendo la riva destra del Po

Terra e acqua: i due elementi che caratterizzano il territorio ferrarese. Sono loro i protagonisti dell’itinerario su due ruote “Destra Po” che si sviluppa lungo l’argine dell’omonimo fiume. I suoi cento chilomentri circa regalano paesaggi molto diversi tra loro che conducono da Stellata di Bondeno fino al Faro di Goino sul mare.

Team building su due ruote in Europa: le più suggestive

Lungo il Danubio

Che ci si trovi in Germania, Austria, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Serbia, Bulgaria o Romania, il Danubio è una presenza costante cosi come la pista ciclabile più famosa d’Europa che ne segue il corso. Parte dalla sorgente del noto fiume a Donaueschingen e arriva fino a Budapest. Il tratto più frequentato della pista Donau Radweg, è quello che inizia a Passau, in Germania, e arriva a Vienna. Sono 330 chilometri di paesaggi completamente diversi tra loro. Sulla strada molti bike hotel.

Sui luoghi di Mozart

La pista di Mozart è un tratto della ciclabile che si snoda tra il Tirolo e la Baviera, nel salisburghese. Si tratta di un percorso molto affascinante in cui è possibile ammirare diversi luoghi legati alla vita e alle opere del genio musicale. Per immergersi ancora di più nella magica atmosfera di questi luoghi si può dormire all’Hotel Post di Lofer, edificio nel quale soggiornò Mozart al rientro da un suo viaggio in Italia.

Sulle bici elettriche

L’area austriaca del Lungau è la più adatta per provare l’esperienza delle bici elettriche. Lungo tutta la provincia si possono trovare circa cento distributori di energia elettrica. Le strutture alberghiere sono spesso dotate di bici elettriche per affrontare la pista ciclabile del fiume Mur, area considerata il cuore verde dell’Austria. Gli hotel, inoltre, sono pensati per accogliere biker quindi perfettamente attrezzati anche con servizio di manutenzione delle bici o il download gratuito delle mappe del gps.

Pedalando da Parigi a Londra
 

L’Avenue Verte, inaugurata in occasione delle Olimpiadi di Londra 2012, consente di esplorare tutto quanto si cela nel percorso che unisce le due capitali europee più amate. L’itinerario dura otto giorni con circa cinque ore di pedalata quotidiana ma l’effetto è unico. Si potrà incontrare la Senna e i suoi paesaggi meravigliosi che hanno ispirato grandi artisti del calibro di Monet, Cézanne e Van Gogh. Arrivati sul Canale della Manica quattro ore di traghetto conducono verso scenari completamente diversi: le dolci colline del Sussex che portano a Londra.

Autostrade a pedali

Mai pensato di percorrere un’autostrada in bici? In Danimarca è possibile. Popolo molto attivo sulle due ruote, i danesi hanno inaugurato la prima bike-highway che unisce Copenhagen a Albertslund e ora sono ben otto le autostrade che costituiscono unn vero e proprio network. Pavimentazione adeguata, aree di servizio e un numero ridotto di incroci. Per loro è un itinerario pratico per spostarsi ma per  i visitatori è un’esperienza sicuramente unica. Una curiosità: se si mantegono i 19 chilometri all’ora si può sfruttare l’onda verde dei semafori.


Tra i tulipani olandesi

L’Olanda in bici è una delle proposte più classiche per un post congress ad Amsterdam. Di particolare interesse è la pista Oeverlandroute che collega le città di Alkmaar e Maastricht. Lunga 385 chilometri, taglia il paese dalla costa fino all’interno. Si scoprono città come Utrecht e Eindhoven, ma anche villaggi minori e paesaggi naturali.