3180

Location
per eventi

14386

Sale
meeting

341

Agenzie
e servizi

11071

Articoli
e recensioni

Il team building va fuoristrada con il quad

Il team building va fuoristrada con il quad

ATTIVITÀ OUTDOOR VERSATILE ED ENTUSIASMANTE, IL QUADRICICLO FUORISTRADA RACCOGLIE SEMPRE PIÙ CONSENSI. QUALCHE ISTRUZIONE PER L'USO

Potremmo chiamarlo quad building, e non soltanto per il puro gusto del gioco di parole bensì per sintetizzare il concept dell’articolo: tra quad e team builiding non c’è alcuna differenza, perché il “quad” è in se stesso team building. Qualche anno fa è stato scoperto e valorizzato in senso ludico, perché è senza dubbio un mezzo divertente e versatile. E il mondo aziendale, alla continua ricerca di soluzioni originali per stimolare lo spirito di gruppo, ne fa un impiego sempre maggiore per il team building.

Istruzioni per l'uso: 
Per guidare i quad è necessario essere maggiorenni e avere la patente B. I quad forniti dalle agenzie specializzate sono mezzi molto sicuri per gite in qualsiasi tipo di terreno e condizioni: basta, come detto, un minimo di spirito di avventura e la voglia di conoscere e provare nuove emozioni. È evidente, peraltro, che non si può prescindere dal rispetto di norme di sicurezza e di buona condotta. Al pari dei veicoli fuoristrada 4x4, i quad vengono usati generalmente su terreni accidentati e irregolari.

La possibilità di dotarli di un’ampia gamma di accessori li rende multipurpose, con un’ampia operatività: basti pensare che vengono utilizzati sia in ambito agricolo-ambientale sia per interventi di protezione civile o dei vigili del fuoco. Le loro caratteristiche fisiche, unitamente alle situazioni di impiego, ne fanno però uno strumento potenzialmente pericoloso. Per quanto siano particolarmente facili da guidare, l’operatore è esposto a una serie di pericoli che ne inficiano la sicurezza.

Occorre, quindi, che il guidatore e il suo compagno siano adeguatamente informati sui rischi specifici per la salute e sicurezza connessi alla guida e su questi ricevano un addestramento e una formazione sufficiente e adeguata, che consenta loro di individuare e riconoscere il pericolo e di predisporre le azioni e le procedure per eliminarlo o minimizzarlo. Tutte le società fornitrici di quad provvedono a brieffare adeguatamente i partecipanti prima di avviare un percorso. Intanto è fondamentale che ci siano un apripista e un chiudipista, così da avere il totale controllo del gruppo. Poi occorre illustrare le tecniche di guida, che sono molto diverse da quelle di auto e moto. Nel quad, più si va piano e più la sterzata dev’essere larga (proprio al contrario di quello che accade con le automobili), mentre più si accelera e più va ristretta. Questo non è un concetto intuitivo, dev’essere illustrato a dovere.

I problemi possono subentrare, come per ogni automezzo, quando ci si vuole andare veloci, perché allora si tende a capottare. Sono tutte difficoltà risolvibili con poco: basta mantenere una velocità consona al tipo di terreno che si è scelto e al luogo verso cui ci si dirige. Le cose, nel quad, cambiano molto a seconda che si percorra un sentiero sterrato, asfaltato, con buche o pianeggiante. Uno staff d’assistenza professionale e affidabile fa la differenza.