3066

Location
per eventi

13993

Sale
meeting

333

Agenzie
e servizi

10960

Articoli
e recensioni

Camere d’albergo meno care. È il momento di cercare le destinazioni più convenienti

Camere d’albergo meno care. È il momento di cercare le destinazioni più convenienti

Mentre i prezzi al consumo in Italia, secondo i calcoli dell’Istituto nazionale di statistica, a settembre sono aumentati in maniera minima dello 0,2% per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, gli ospiti degli hotel, in base a una ricerca del portale di prenotazioni hotel.info, hanno potuto godere di più del quattro per cento in meno sui prezzi delle camere (in media 96,36 euro). Tuttavia, l'andamento dei costi di pernottamento varia molto da città a città.

Venezia fa la parte del leone e si presenta ancora a un livello alto, con un leggero aumento del due per cento. Allo stesso modo gli albergatori di Milano. Nella metropoli della moda c’è stato un aumento della domanda di camere a causa diversi eventi e certamente dell’Expo, responsabili di un incremento dei costi di pernottamento di quasi il dieci per cento. Mentre anche a Verona (+ 6,15%) e Firenze (+ 4,52%) si spende di più, i viaggiatori hanno potuto risparmiare in altre città. A Napoli il prezzo medio per camera a notte è diminuito, rispetto all'anno precedente, del 15% circa. In calo anche Bologna e Roma (- 12%). Il settore alberghiero della capitale è relativamente conveniente a livello nazionale, ma anche in confronto alle altre capitali europee occupa un buon dodicesimo posto.

«Varie manifestazioni, fluttuazioni valutarie così come la situazione economica generale sono responsabili, a livello internazionale, dello sviluppo dei costi di pernottamento», spiega Jörg Malang, Chief Product Officer di hotel.info.

Londra è la capitale europea più cara in fatto di prezzi. Il sovrapprezzo di circa il 16 per cento rispetto all'anno precedente è il risultato del confronto tra l'euro e la sterlina più forte e dei numerosi eventi che hanno fatto aumentare la domanda di pernottamenti. Molto diversa, invece, la situazione a Oslo e Mosca, con cali anche del trenta per cento, fino ad arrivare a Kiev, la città più conveniente d'Europa.