3239

Location
per eventi

14565

Sale
meeting

340

Agenzie
e servizi

11156

Articoli
e recensioni

Riunioni, perché sì e perché no secondo la ricerca di Doodle

Riunioni, perché sì e perché no secondo la ricerca di Doodle

Doodle, lo strumento di Google che permette di invitare persone e pianificare riunioni, ha di recente reso noti i risultati della sua ricerca "The state of meetings report 2109” dalla quale emerge come il 76% degli intervistati – 6.500 professionisti provenienti da Germania, Gran Bretagna e Regno Unito - ha dichiarato di preferire le riunioni faccia a faccia rispetto a quelle virtuali.

La totalità ha inoltre asserito che le riunioni dal vivo permettono di conoscere e capire meglio gli interlocutori, mentre tra i meeting virtuali il 7% preferisce le conference call, il 5% le video chiamate e il 4% la messaggistica istantanea come Slack.

Anche noi vi abbiamo spiegato perché e quando le riunioni faccia a faccia sono da preferire, e cioè soprattutto quando tra gli interlocuotori - che magari si conoscono poco - serve testare se c'è empatia per una collaborazione, oppure quando anche affidandosi al linguaggio del corpo due possibili partner commerciali comprendono un po' di più l'uno dell'altro.

Queste affermazioni sono del resto confermate da Steven Rogelberg, professore dell’Università del Nord Carolina, che commenta così il risultato della ricerca pubblicata di Doodle: “Sebbene la tecnologia abbia reso sempre più facile facile incontrarsi da remoto, e questa è una buona cosa, c'è qualcosa di particolarmente potente associato agli incontri faccia a faccia. La comunicazione tende a essere più ricca ed empatica, dato che si arricchisce anche dei segnali non verbali”.

La durata delle riunioni

Ma la ricerca mette in evidenza anche altri dati, tra cui per esempio quello che riguarda la durata delle riunioni, che per il 41% dovrebbe essere compresa tra i 30 e i 60 minuti, mentre solo il 4% indica come durata oltre 90 minuti. Un dato interessante è che la durata indicata è inversamente proporzionale al guadagno dei dipendenti: chi guadagna oltre 51mila euro l’anno sembra più propenso a riunioni oltre l’ora, mentre chi ne guadagna meno di 28mila vuole incontri più brevi.

Quando le riunioni sono una perdita di tempo... 

Tra i rispondenti, il 74% di quelli tedeschi pensano che le riunioni siano perdite di tempo, così come il 72% degli inglesi e il 68% degli statunitensi.

Ma se è vero che le riunioni faccia a faccia sono ancora da preferire, ben l’89% dei professionisti intervistati nella ricerca di Doodle pensa che – quando sono organizzate male – siano una vera perdita di tempo.

... e di denaro

Gli intervistati non hanno dubbi e quando arriva il momento di pensare al ROI, cioè al ritorno sull'investimento di una riunione faccia a faccia, che naturalmente è sensibilmente più onerosa in termin di budget rispetto a una riunione effettuata via Skype o a una conference call, il 100% risponde che un meeting organizzata male e che manca gli obiettivi sia una totale perdita di soldi.