3168

Location
per eventi

14359

Sale
meeting

341

Agenzie
e servizi

11060

Articoli
e recensioni

Incontri di persona: secondo ricerca CWT accrescono fiducia, conoscenza ed efficacia

Incontri di persona: secondo ricerca CWT accrescono fiducia, conoscenza ed efficacia

Gli aspetti positivi dei viaggi d’affari superano quelli negativi sul lavoro (92%) e a casa (82%). Ad affermarlo sono gli stessi business traveller nella ricerca realizzata da CWT, la piattaforma di gestione di viaggi B2B4E.

“Secondo quanto emerso, viaggiare verso una nuova destinazione, incontrare qualcuno de visu per la prima volta, entrare in contatto con persone che possono concorrere allo sviluppo dell’attività e favorire la carriera e uscire dalla routine lavorativa costituiscono alcuni dei fattori più stimolanti associati ai viaggi d’affari”, afferma Niklas Andréen, Executive VP e Chief Traveler Experience Officer di CWT. “È importante riconoscere quali aspetti valoriali i business traveler trovano nei loro viaggi e capire che cosa apporti i maggiori benefici durante la trasferta”.

Come tendenza globale da parte dei viaggiatori, la ricerca indica inoltre nell’accrescere la fiducia (39%), nell’approfondire la conoscenza di clienti e colleghi (32%) e nell’efficacia (31%) i tre principali vantaggi legati agli incontri di persona.

Sono i business traveller d’Europa ad apprezzare maggiormente la conoscenza diretta (37%), seguiti dagli americani (36%) e dai viaggiatori provenienti dall’Asia Pacifico (25%). Europei in testa anche nel valutare positivamente la resa degli incontri faccia a faccia (34%), davanti ai colleghi di Asia Pacifico (31%) e delle Americhe (29%).

Un ulteriore vantaggio correlato al viaggiare per affari risiede nella possibilità di prolungare la trasferta per piacere. Negli ultimi 12 mesi, gli intervistati hanno esteso il loro soggiorno mediamente 2,4 volte. I business traveller americani guidano la classifica con 2,7 volte, seguiti dagli europei con 2,4 e dagli orientali con 2,3. In termini di durata, la media mondiale indica un’estensione di 4,3 giorni.

Secondo la ricerca, le aziende sostengono maggiormente i viaggi bleisure laddove i dipendenti pagano le proprie spese personali (76%), in particolare nell’area Asia Pacifico (79%) e nelle Americhe (77%). In Europa la percentuale sfiora il 70%.

 La ricerca è stata creata da CWT e condotta da Artemis Strategy Group tra il 29 gennaio e il 9 febbraio 2019. L’indagine ha coinvolto oltre 2.700 viaggiatori d'affari che hanno effettuato quattro o più trasferte per lavoro negli ultimi 12 mesi. I partecipanti provenivano dalle Americhe (Argentina, Brasile, Canada, Messico e Stati Uniti), Europa (Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Regno Unito) e Asia Pacifico (Australia, Cina, India, Giappone e Singapore).