3286

Location
per eventi

14484

Sale
meeting

352

Agenzie
e servizi

11608

Articoli
e recensioni

Nasce ECM Quality Network, associazione di provider ECM e società scientifiche

Nasce ECM Quality Network, associazione di provider ECM e società scientifiche

Si chiama Ecm Quality Network(EQN) la nuovaassociazione nazionale dei provider ECM nata dalla volontà di40 soci fondatoriche rappresentano società, enti di diritto privato, diritto pubblico, inserite nell’Albo Nazionale Provider ECM, nonché società medico-scientifiche, gruppi di ricerca impegnati nella progettazione ed erogazione della formazione per tutte le professioni sanitarie.

I valori dell’associazione si ispirano all’autonomia e all’indipendenza della formazione post-laurea, in ambito sanitario, con lo scopo di migliorare i percorsi di prevenzione e di cura dei cittadini.

L’associazione si è già presentata di recente al Ministro della Salute e alla Commissione Nazionale Formazione Continua garantendo, come si legge in una nota, “la massima collaborazione al fine di perseguire, per parte dei provider, il costante miglioramento del sistema di Formazione Continua messo in atto dalla CNFC”.

“L’esigenza di costituire un’associazione di questo tipo nasce dalla domanda proveniente dal settore della formazione in ambito sanitario, di riunire e rappresentare quelle aziende che si occupano essenzialmente di formazione in ambito scientifico, rivolta a tutte le professioni sanitarie. Concentrando nelle proprie attività lo sviluppo di percorsi che accompagnino l’operatore sanitario per tutta la sua vita professionale, viaggiando al fianco delle università e delle società scientifiche depositarie della cultura medica e delle buone pratiche. EQN intende perseguire, quindi, le indicazioni derivanti dall’Agenas per quanto attiene ai valori e al significato della ricerca, del monitoraggio e della valutazione, nel rigoroso rispetto dei regolamenti e delle norme etiche e deontologiche vigenti. Un modo per legittimare il ruolo dei Provider ECM e una funzione che spesso è stata identificata o confusa in modo semplicistico e riduttivo con l’organizzazione generale dell’evento” dice Susanna Priore, presidente di EQN, biologa e docente di Management Socio Sanitario, da anni impegnata nell’ambito della Formazione Medico Continua e nei rapporti con i relativi organi di riferimento, che negli ultimi 10 anni ha organizzato numerosi corsi di formazione e aggiornamento, seminari, in materia di ECM, coinvolgendo Agenas, Cogeaps, Componenti della CNFC e delle relative commissioni.

EQN vuole porre particolare attenzione allo studio delle metodologie formative attraverso la ricerca di modelli di apprendimento innovativi, diffondendo l’utilizzo delle nuove tecnologie, delle recenti acquisizioni nonché la diffusione della telemedicina.


In questo momento l’attenzione di EQN è rivolta all’immediato futuro della formazione ECM, comparto che, come ricorda la neonata associazione, ha registrato un calo negli eventi formativi di circa il 90% rispetto alla media di eventi accreditati negli ultimi 3 anni (da una media di circa 31.000 anno ad un numero di 2.900 ad oggi), mettendo in difficoltà circa 1.250 aziende, strutturate con una media di 5 dipendenti dedicati ed un indotto che triplica il valore degli addetti.
Nonostante la ripartenza di eventi, corsi e convegni nella maggior parte delle regioni italiane, a medici e operatori sanitari non è ancora permesso partecipare a eventi formati, come è specificato ancora nel Dpcm dell’11 giugno.

Tale disposizione, secondo EQN, “ancorché condivisibile, ritrovava la sua ragione di essere attuata nel periodo di alta emergenza, caratterizzato da sovrapposizione di turni e richieste improvvise, sia da parte del territorio, che da parte degli ospedali e case di cura. Ad oggi, la quasi totalità degli ospedali e delle ASL è rientrata nella normale gestione della governance sanitaria”.
Da qui l’associazione ha presentato istanza al ministro della Salute Roberto Speranza e alla Commissione ECM chiedendo la revisione del la disposizione che inibisce gli operatori sanitari a partecipare ad eventi formativi, stabilendo una data certa a partire dalla quale saranno resi possibili gli eventi dedicati alla loro formazione.

“Siamo consapevoli che le attività delle società che rappresento, debbano poter incidere sia sulla qualità della salute dei cittadini che sull’ottimizzazione dei costi della salute stessa, passando dalla diffusione delle buone pratiche e delle innovazioni tecnologiche ed è per questo che EQN mette al primo posto il miglioramento della qualità dei Provider ECM senza dimenticare il compito statutario di rappresentare e tutelare i diritti ed i bisogni della categoria” conclude Priore.