3281

Location
per eventi

14391

Sale
meeting

360

Agenzie
e servizi

11896

Articoli
e recensioni

Come ripartono congressi e meeting: lo scenario emerso dalla 3 giorni "Restarting MICE"

Come ripartono congressi e meeting: lo scenario emerso dalla 3 giorni "Restarting MICE"

Si è tenuto in presenza e nel pieno rispetto delle misure anti-Covid  “Restarting MICE, fare sistema per il turismo italiano” dal 9 all'11 maggio. L'appuntamento, dopo un anno di stop, era dedicato alla ripartenza del settore dei meeting e congressi, che, lo ricordiamo, in Italia muove normalmente un giro d’affari pari a 20 miliardi di euro grazie a 13 mila operatori che organizzano più di 400.000 eventi, con 42 milioni di presenze (il 40% dei pernottamenti alberghieri è legato a eventi, meeting e congressi).

I principali operatori di questo importante settore, tra cui CWT, Cisalpina, Gruppo Uvet, Gruppo Gattinoni, ACI Blueteam, SG Company, EGA, Gruppo Next, Match Music, Triumph Group, si sono incontrati, su iniziativa di 5 fra le realtà più importanti del turismo italiano, MSC Crociere, Alitalia, Starhotels, AirPlus International e First Travel Italy, per confrontarsi su tematiche quali scenario e previsioni sulla ripresa, nuove modalità e ripresa in sicurezza, meeting e turismo e per fare sistema a sostegno di un mercato che è stato, assieme a quello del turismo, fortemente colpito dalla pandemia.

Scenario e nuove modalità del MICE

Dall'incontro Restarting MICE è emerso come, nonostante la voglia e le aspettative di tutto il mercato, la pianificazione è ancora scarsa e l’orizzonte è di breve termine, per un settore che vive, invece, di programmazione. Bisognerà attendere il 2022 per vedere una vera e propria ripartenza del comparto. Per l’autunno del 2021 si attende una debole ripresa che, però, non promette di far chiudere l’anno con risultati migliori rispetto a quelli del 2020, in quanto le aziende non stanno ancora pianificando investimenti in grandi eventi.

“Il primo settore che ci dà segnali positivi sono i viaggi incentive, meeting aziendali, completamente cancellati l’anno scorso e prenotati ora a partire già da giugno, ma esclusivamente in Italia – ha affermato Franco Gattinoni, presidente del Gruppo Gattinoni”. “Per il 2021 ci aspettiamo una perdita del settore che non si discosta da quella dell’anno scorso e che si attesta a circa un -80% rispetto al periodo pre-pandemia" ha dichiarato Armando Mastrapasqua, amministratore delegato CWT Italy e South Emea Commercial Senior Director. "Le aspettative ora si concentrano sull’ultimo trimestre dell’anno”.

Rimarrano formule ibride, digitali e in presenza e gli eventi digitali si continueranno a svolgere per alcune tipologie di iniziative, “mentre gli eventi ibridi miglioreranno, non sostituiranno il MICE, bensì contribuiranno ad amplificarlo” secondo Davide Verdesca, chairman e CEO di SG Company. Per Pierluigi Donzelli, direttore generale di ACI Blueteam: "Anche se l’evento digitale rimarrà, nulla potrà sostituire l’evento in presenza e l'interazione e il networking che si creano”.

L’emozione in un evento è una componente imprescindibile per Lenzi Match Music "e questa è difficile trasmetterla con il digitale”.“Gli eventi ci saranno, anche numerosi, sebbene molti saranno in modalità ibrida, tale modalità permette in qualche modo anche di allungare la vita del congresso. Difficile fare una stima sul fatturato totale del comparto l’anno prossimo, ma si può prevedere che si potrà assestare ad un 70/75% del valore del giro d’affari pre-Covid” ha sottolienato Enrico Ruffilli, amministratore delegato del Gruppo UVET.

In questo momento emerge chiaramente una domanda da parte delle aziende per la realizzazione di meeting motivazionali, la richiesta di formazione e di coaching per il personale delle aziende, di riqualificazione delle competenze per i dipendenti di diverse realtà, grandi e piccole, dopo più di un anno in modalità di lavoro completamente atipiche. “Ci chiedono al momento molti team building per recuperare e migliorare i rapporti interni e motivare nuovamente le risorse" ha spiegato Domenico Pellegrino, CEO del Gruppo BluVacanze. Fare sistema dovrà significare, secondo Marco Iannarelli, presidente del Gruppo Next, creare anche “un patto di ripartenza con le aziende, un patto etico dove fissare le linee guida per la realizzazione di gare e appalti e dove le agenzie di eventi e MICE possano competere a condizioni eque”.

Best practices negli eventi

Nel panorama italiano e internazionale negli ultimi mesi sono stati organizzati degli eventi pilota destinati a diventare best practices per la ripartenza, dimostrando come si possano realizzare eventi grandi e piccoli e movimentare persone in completa sicurezza, rispettando chiaramente i protocolli sanitari. Un esempio di protocollo istituito è la cosiddetta bolla, sperimentata anche in occasione dei Campionati mondiali invernali di sci a Cortina lo scorso febbraio. Gli ospiti e i partecipanti a un evento vengono divisi in sottogruppi, tracciati durante tutto lo svolgimento dell’evento, rimanendo all’interno dell’area di svolgimento.

“In occasione dei Mondiali di Sci abbiamo garantito lo svolgimento dei campionati e la sicurezza per 15 giorni durante i quali, su 23.000 tampoini effettuati, solo 23 persone sono risultate positive” ha raccontato Maria Criscuolo, Chairman and Founder di Triumph Group. “Bisogna dirlo ed essere orgogliosi, in quanto noi italiani siamo stati i primi: nessuno a febbraio in Europa aveva ancora fatto un evento di queste dimensioni in presenza”.

Eventi e turismo: brand Italia e sicurezza

Alla presenza di Giorgio Palmucci, presidente dell’Agenzia del Turismo Nazionale ENIT e di Carlotta Ferrari, presidente del Convention Bureau Italia, si è discusso della importanza del brand Italia, della necessità di realizzare ora una forte promozione e una campagna di comunicazione verso l’estero e di valorizzare in maniera coordinata e univoca il Bel Paese, e la sua attrattiva come meta di svolgimento di eventi e convegni.

I principali player del mercato continuano a investire e a garantire la sicurezza. Leonardo Massa, Managing Director di MSC Crociere ha illustrato come continuino gli investimenti in nuove navi, con ampi spazi dedicati ad ospitare eventi e meeting a bordo, in quanto il MICE rimane strategico per MSC anche in un’ottica futura. Starhotels tramite Antonio Ducceschi, CCO, ha sottolineato come la catena stia investendo in sicurezza e sostenibilità e garantisca la massima flessiblità, in risposta alle esigenze mutate della clientela. Nicola Bonacchi, Vice President Sales leisure di Alitalia ha illustrato le nuove destinazioni dell’estate della compagnia. Alitalia raggiungerà oltre le capitali europee e New York, anche le maggiori località delle vacanze estive (Cagliari, Olbia, Alghero, Catania, Comiso, Lampedusa, Palermo,Pantelleria, Bari, Brindisi, Reggio Calabria, Lamezia Terme, Cefalonia, Creta,Corfù, Mykonos, Rodi, Santorini, Skiathos, Preveza, Zante, Ibiza, Minorca,Palma Di Maiorca, Dubrovnik, Spalato).

First Travel Italy tramite Stefania Semenzato, Managing Director, ha ricordato come la logistica e i trasporti siano un asset indispensabile di sicurezza per gli eventi, perché le persone e tutto ciò che viaggia con loro non vanno soltanto trasportati, ma devono essere “spostati” in modo ordinato ed efficiente. Inoltre gli NCC (noleggio con conducente, ndr) sono ormai “delle camere sterili”, garantendo un ambiente igienizzato e sicuro nei più piccoli dettagli. In questo contesto si inserisce anche il pagamento ed AirPlus International, multinazionale specializzata in soluzioni di pagamento virtuali, in quanto il crescente utilizzo delle forme di pagamento virtuali e digitali possono rappresentare un ulteriore elemento che contribuisce ad una esperienza sicura, “touchless”, così come alla sostenibilità finanziaria di tutti i protagonisti della filiera.