3268

Location
per eventi

14337

Sale
meeting

363

Agenzie
e servizi

11980

Articoli
e recensioni

Green Pass obbligatorio per eventi e convegni dal 6 agosto

Green Pass obbligatorio per eventi e convegni dal 6 agosto

Dal 6 agosto 2021 il green pass è obbligatorio per accedere a eventi e congressi. ll Governo ha confermato infatti quello che già nelle ultime settimane si era delineato come una soluzione efficace per scongiurare nuove chiusure e continuare a potere organizzare congressi, meeting, convegni e convention. Anche convegni e congressi rientrano infatti in quelle attività, come ristoranti al chiuso, ai tavoli dei bar, nelle palestre, nei cinema, teatri e musei il cui accesso sarà permesso solo ai possessori di green pass. 

Approfondisci con Green pass: come funziona per eventi e congressi

Congressi e meeting: il green pass per continuare a programmare eventi

L’industria dei congressi e degli eventi aziendali privati, sotto l’egida di #Italialive, che rappresenta 13 associazioni del settore, aveva già espresso il suo consenso all’utilizzo del green pass. “Nonostante il comparto sia già sicuro dal punto di vista sanitario poiché è normato dalle Linee Guida della Conferenza Stato-Regioni e si è dotato di protocolli ancora più rigorosi, l’adozione del green pass diventa fondamentale per assicurare agli operatori la possibilità di programmazione sul lungo periodo. Congressi ed eventi, infatti, hanno bisogno di mesi di preparazione e il green pass appare oggi come l’unica via percorribile non solo per evitare l’aumento dei contagi ma anche per scongiurare l’incubo di future chiusure” ha enunciato in una nota.

Come si ottiene il green pass

Il green pass si ottiene dopo avere ricevuto il vaccino anti-Covid, se si è guariti dal Covid o con un tampone negativo effettuato nelle precedenti 48 ore. In Italia già dopo la prima dose, ma secondo l’ultimo provvedimento perderà di validità se non sarà completata la seconda dose nei tempi indicati.

Per scaricare il green pass si può aspettare di ricevere un sms o una mail di convalida. In alternativa si può scaricare direttamente dalla app IO della Pubblica Amministrazione o dalla app Immuni, oppure dal sito gestito dal Ministero della Salute dgc.gov.it accedendo tramite tessera sanitaria o identità digitale (Spid e o carta d’identità elettronica). Si può inoltre scaricare consultando il proprio fascicolo sanitario elettronico regionale.

Nuovi parametri sui colori delle regioni 

Tra le nuove misure c'è anche la proroga dello stato di emergenza fino al 31 dicembre 2021 e nuovi paramentri sui colori delle regioni:

zona bianca: per restare in zona bianca si devono registrare meno di 50 contagi settimanali ogni 100mila abitanti. Se i contagi settimanali sono tra 50 e 150 ogni 100mila abitanti, il tasso di occupazione delle terapie intensive non deve superare il 10% oppure il tasso di occupazione dei reparti ospedalieri non deve superare il 15%.

zona gialla: scatta la zona gialla se si superano entrambi i paramentri o se si superano i 150 contagi alla settimana, sempre ogni 100mila abitanti.

zona arancione: con tasso di occupazione delle rianimazioni oltre il 20% o dei reparti ordinari oltre il 30% si va in zona arancione

zona rossa: la zona rossa è prevista quando entrambi i parametri sono superati e i contagi sono 150 o oltre la settimana per 100mila abitanti, i posti letti negli ospedali sono occupati per più del 40% e  il tasso di occupazione delle terapie intensive è oltre il 30%.

Secondo quanto stabilito dal Decreto Riaperture, gli eventi e i congressi restano aperti anche in zona gialla.