3271

Location
per eventi

14350

Sale
meeting

363

Agenzie
e servizi

12010

Articoli
e recensioni

Tamponi e green pass: come cambiano le regole per partecipare agli eventi

Tamponi e green pass: come cambiano le regole per partecipare agli eventi

Sì al test salivare, ma sono esclusi quelli fai-dai-te: cambiano le regole per ottenere il green pass, obbligatorio per partecipare a eventi e congressi dal 6 agosto 2021. Le novità che riguardano le tipologie dei tamponi sono contenute nella legge n.126 del 16 settembre 2021, quella che rende obbligatorio il passaporto vaccinale nei luoghi di lavoro. Tra le modifiche c'è anche quella della durata della validità della certificazione verde, che passa da 9 a 12 mesi. 

Tamponi validi per il green pass 

Nel caso si debba effettuare un tampone per ottenere il green pass necessario per partecipare a eventi e congressi, si può optare per uno di questi test:

  • tampone molecolare: rispetto a prima, cambia la durata della validità di questo test, che passa da 48 a 72 ore. A oggi questo test è considerato il più attendibile, viene eseguito mediante tampone naso-faringeo. 
  • tampone antigienico rapido: il test si effettua, come quello molecolare, con un tampone naso-faringeo, ma a differenza del primo, che ricerca molecole del coronavirus nel suo RNA, rileva gli antigeni presenti nel virus. Questo tampone, ai fini dei green pass, è valido per 48 ore. Il risultato del test si ottiene dopo pochi minuti. 
  • tampone salivare: questo test, che può essere rapido o molecolare, è stato appena introdotto tra quelli validi per ottenere il green pass. Viene effettuato tramite un campione di saliva ed è quindi facilmente gestibile nel caso sia più difficoltoso effettuare un tampone naso-faringeo. Se siete organizzatori di eventi e pensate di allestire stand per l’esecuzione di tamponi al vostro evento, tenete in considerazione che il test salivare risulta più efficace in caso di presenza di sintomi. Come è indicato dalla circolare del Ministero della Salute fatti, la sua validità diminuisce dopo 5 giorni da quando si presentano i primi sintomi. La validità di questo test è di 48 ore.

Tutti i test, per essere validi per il green pass, devono essere effettuati da operatori sanitari o personale qualificato. Il risultato deve essere trasmesso alla piattaforma nazionale DCG per l'emissione della certificazione valida. 

Leggi anche: Green pass, come funziona all'estero per gli eventi