3257

Location
per eventi

14265

Sale
meeting

382

Agenzie
e servizi

12337

Articoli
e recensioni

Dolomiti Bellunesi-The Mountains of Venice, nuovo brand di destinazione turistica

Dolomiti Bellunesi-The Mountains of Venice, nuovo brand di destinazione turistica

Nasce il nuovo brand di destinazione turistica Dolomiti Bellunesi - The Mountains of Venice. La nuova identità visiva è stata presentata il 13 maggio nella sede della Provincia di Belluno.

Si tratta di un progetto grafico commissionato allo studio di Milano Carmi e Ubertis, che ha comportato più di un anno di lavoro, finalizzato alla creazione di una identity che non si limita al solo aspetto turistico ma che riflette il “look and feel” di un territorio unico. Lo studio condotto sulla destinazione, sulle caratteristiche della zona e sulla percezione che si ha dall’esterno, ha visto un percorso che si è sviluppato per interi mesi, coinvolgendo, attraverso interviste dirette, addetti ai lavori, consorzi di valle, stakeholder istituzionali e una moltitudine di potenziali visitatori, in Italia e oltre confine.

Ne è emerso uno spaccato che ha contribuito alla scelta finale del nome del brand “Dolomiti Bellunesi - The Mountains of Venice”. In sintesi Venezia e le Dolomiti, luoghi rinomati in tutto il mondo, il Bellunese come crocevia di una destinazione suggestiva e affascinante. Un brand che cattura l’attenzione, definendo la personalità della destinazione in una sorta di invito alla scoperta di luoghi inesplorati e ricchi di attrazione.

“La brand identity Dolomiti Bellunesi, The Mountains of Venice è la sintesi dei valori fondanti del territorio, del suo essere autentico e spettacolare, un paesaggio culturale fin dal Paleolitico Medio e un palcoscenico dove vivere indimenticabili avventure contemporanee. Le forme artistiche preesistenti, le caratteristiche distintive del paesaggio e le tracce storiche che testimoniano la memoria dei luoghi, sono l’origine del nuovo simbolo di territorio che cristallizza la vocazione innovativa delle Dolomiti Bellunesi, le montagne di Venezia e la qualità di vita che il territorio offre. Tutto ciò è la perfetta somma di tradizione e innovazione, di natura e accoglienza, di visioni per il futuro a partire dalla storia e dal proprio Genius Loci" ha spiegato Elio Carmi dello Studio Carmi e Ubertis consulente per la brand Identity.

“Il percorso di studio della destinazione turistica e di costruzione del brand Dolomiti Bellunesi giunge oggi a una prima tappa fondamentale. L’analisi effettuata dai nostri consulenti ha prodotto un marchio che non significa punto di arrivo, quanto piuttosto trampolino di lancio su cui fondare il futuro dello sviluppo del nostro territorio” ha aggiunto Danilo De Toni, consigliere delegato della Provincia di Belluno per il Turismo.

“È stato un privilegio poter affiancare la Provincia in questo percorso di confronto e condivisione che ha portato alla realizzazione del marchio che è sintesi della brand strategy, è l’essenza del territorio e la sua valorizzazione in termini non solo turistici, ma anche di persone, luoghi e imprese. Ora ci aspetta un lavoro importante di fusione e consolidamento di questo marchio con il territorio. Sarà un’azione costante di condivisione e collaborazione per la quale abbiamo già individuato insieme alla Provincia una serie di attività” ha detto Michele Basso, direttore Dmo Dolomiti.

“Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato a questo percorso. Il progetto “Vivere le Dolomiti”, al cui interno si colloca lo studio della destinazione e la creazione del brand, aveva e ha l’obiettivo di coltivare la vocazione turistica del nostro territorio. Ma senza un’identità precisa si correva il rischio che ogni vallata andasse per conto proprio. Oggi invece siamo di fronte non tanto alla necessità di fare gioco di squadra, quanto al riconoscimento di un orgoglio territoriale - fortemente bellunese - che ha già creato i primi esempi di sinergia. Dovremo essere bravi a coltivare la collaborazione: i frutti si vedranno nello sviluppo del turismo, ma anche nel futuro che costruiremo per le comunità locali” ha commentato Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno.