3116

Location
per eventi

14162

Sale
meeting

340

Agenzie
e servizi

10979

Articoli
e recensioni

Enic: 45 anni nel segno dell’eccellenza congressuale

Enic: 45 anni nel segno dell’eccellenza congressuale

La società di Firenze presenta una ricerca che mette in luce l’importante ruolo della meeting economy del capoluogo fiorentino

Si è svolto giovedì 26 ottobre presso la sede del quotidiano La Nazione di Firenze un convegno organizzato da Enic Meeting & Events, con cui Maria Cristina Dalla Villa e Stefano Gabbrielli, rispettivamente senior partner e amministratore unico, hanno voluto celebrare i 45 anni della loro impresa, una delle più storiche e importanti aziende di organizzazione congressuale in Italia. Più che di una celebrazione “classica”, si è trattato di un vero e proprio regalo alla città: è stata infatti presentata una ricerca sul valore economico della meeting industry per il territorio di Firenze. Lo studio, commissionato da Enic a Irpet e Local Global, ha tracciato la realtà congressuale fiorentina come una “piccola ma ricca realtà economica, che crea un numero non trascurabile di posti di lavoro, concentra localmente i propri effetti moltiplicativi, in particolare sul settore turistico e su quello dei servizi, ma non esclude i restanti comparti produttivi del sistema economico fiorentino”. A supporto ci sono i numeri della ricerca: l’attività congressuale di Firenze ha registrato nel 2008 più di mille eventi, quasi mezzo milione di presenze, oltre 86 milioni di valore aggiunto e circa 1.800 posti di lavoro a tempo indeterminato. «Questa ricerca è un regalo alla città – ha affermato durante la presentazione Stefano Gabbrielli di Enic –, che ha tutti gli strumenti per smuovere il settore congressuale, anche se le imprese private troppo spesso devono basarsi solo sulle proprie forze per attrarre eventi utili per tutta la comunità». Al convegno, per testimoniare l’affetto e la stima che la città nutre per la professionalità e la bravura di Maria Cristina Dalla Villa, era presente un importante parterre sia a livello mediatico – con la partecipazione di giornalisti delle più importanti testate nazionali, ben rappresentanti da un relatore d’eccezione come il direttore della Nazione, Giuseppe Mascambruno, – sia a livello politico, come testimonia la presenza del presidente di Confidustria Firenze Giovanni Gentile, che ha commentato: «A Enic vanno le mie lodi perchè rappresentano una realtà d’eccellenza nel congressuale fiorentino, il quale a sua volta ha tutte le potenzialità di ritrovare lo smalto e l’efficienza che un tempo la ponevano alla guida di questo mercato».