3288

Location
per eventi

14498

Sale
meeting

354

Agenzie
e servizi

11648

Articoli
e recensioni

Una città per il MICE

Una città per il MICE Una città per il MICE Una città per il MICE Una città per il MICE Una città per il MICE Una città per il MICE

CAGLIARI

Sempre più gettonata, Cagliari, dalle numerose anime e dalle altrettante direttrici di eventi, post congress e incentivazione che ne propongono il volto glamour intrecciato a curiosità e tradizioni. Fierezza del passato e innovazione accolgono il Mice che qui trova ricchezze artistiche, naturalistiche, storia millenaria, cultura e vita a misura d’uomo. Una città vivace, sede di eventi sportivi di respiro internazionale – la base di Luna Rossa Prada Pirelli Team è a Cagliari - e di automotive, un core business ben incentrato sulla meeting industry che la vede protagonista sulle rotte degli eventi grazie a una pluralità di fattori e facilities.

Eventi nella grande bellezza

Il clima mite tutto l’anno è già un plus, se si considera il leggendario mare della Sardegna, fruibile anche in primavera e autunno. Cagliari, infatti, vanta un mix di attrattive e non potevano mancare quelle a tutto Nettuno. Un nome su tutti? Il Poetto. Prima dei post congress, però, gli eventi. Che qui sono ambientati in location di tipologie differenti, una più interessante dell’altra e anche nel contesto degli spazi outdoor, soprattutto intrecciate all’arte e alla cultura.

Quanto alla capacità ricettiva, è in costante crescita - sotto il profilo qualitativo e quantitativo – e l’immediata accessibilità dall’aeroporto alla città soddisfano pienamente le esigenze della meeting industry che atterrà in città. Il benvenuto lo si vede dal principio: la pratica opportunità di un treno che collega il centro e l’aeroporto. Dalla nuova stazione “Elmas Aeroporto”, infatti, è possibile raggiungere la stazione del capoluogo in circa 6 minuti e la frequenza media dei collegamenti è di un treno ogni venti minuti. Oltre a un’ampia scelta di quinte nelle quali realizzare eventi, Cagliari seduce per le sue architetture moderne che ancora oggi sono fra i suoi simboli. Fra queste, il Palazzo Civico e il Bastione di Saint Remy - di fine Ottocento e dalle forme eclettiche, che consente di catturare con lo sguardo il panorama di Cagliari -, con la suggestiva Passeggiata Coperta e i percorsi archeologici sotterranei della Galleria dello Sperone.

I più importanti centri culturali di Cagliari, inoltre, sono strutture che hanno fatto parte della storia della città, con diverse funzioni, e hanno avuto un nuovo uso e una nuova vita dopo attente opere di restauro. Tra questi spiccano il Lazzaretto, il Ghetto, L'Exma, la MEM, il Castello di San Michele, il Palazzo di Città, Sa Manifattura e il Parco dell'ex Vetreria.

Nel forziere di tesori di Cagliari spicca il colle S. Michele con il suo castello per proseguire con la Cittadella dei Musei, sede delle principali collezioni cittadine fra le quali il Museo Archeologico Nazionale e la Pinacoteca Nazionale, connubio tra l’arte figurativa autoctona e quella di matrice catalano-aragonese. Si distinguono epressioni romane nella curiosa grotta della Vipera – scavata nella roccia, con due serpi scolpite nel frontone – così come nel colossale anfiteatro con la cavea addossata alla collina.

Poco distante, ecco San Benedetto, il più grande mercato coperto d’Italia, circa 8mila metri quadrati nei quali sbizzarrirsi con attività di team building: dall’acquisto dei prodotti freschi alla loro preparazione in una sarabanda di colori, profumi e sapori. Remind di tradizione anche nei routing che vedono protagoniste le botteghe artigiane e antiquarie della destinazione mentre inquadrature ecclesiastiche conducono il Mice alla cattedrale di Santa Maria – e all’annesso Museo capitolare con il suo prezioso ostensorio dorato del 1818 – e alla sfiziosa basilica di San Saturnino, prezioso documento altomedievale. 

Il piacere dei post congress 

Dalle coreografie architettoniche a quelle della natura: a una manciata di minuti da Cagliari, oltre al lido del Poetto – scenario di team building all’insegna del surf -, si trova il Parco Naturale Regionale Molentargius-Saline, cinquecento ettari popolati da migliaia di uccelli di circa duecento specie diverse, una grandiosa opportunità di birdwatching nella quale primeggiano fenicotteri rosa, falchi di palude e garzette dalla livrea candida.

Da conoscere è anche l’Orto Botanico, che accoglie al suo interno circa 2mila specie vegetali, prevalentemente originarie dal Mediterraneo mentre l'area del giardino riveste notevole importanza di carattere archeologico anche per la presenza di cisterne e pozzi di età romana. I Giardini Pubblici che conducono alla Galleria Comunale d’Arte, invece, vantano al loro interno alcune bellissime piante secolari.

Imperdibile è il sentiero naturalistico della Sella del Diavolo, uno dei luoghi più affascinanti e simbolici di Cagliari: a due passi dal centro urbano, rappresenta un unicum naturale con testimonianze archeologiche che consentono al Mice di scoprire la storia della città, dal neolitico fino all’epoca moderna. Intrigante binomio di archeologia industriale e oasi naturale sono sicuramente le Fai Saline Conti Vecchi, un racconto in cui immergersi percorrendo gli ambienti storici nell’aspetto originale delle saline.

Caratteri di eccezionalità, infine, alla Necropoli di Tuvixeddu - la più grande necropoli fenicio-punica del Mediterraneo -, che si estende all'interno della città di Cagliari, su tutto l’omonimo colle di Tuvixeddu.