3277

Location
per eventi

14377

Sale
meeting

361

Agenzie
e servizi

11904

Articoli
e recensioni

Pronti a ricominciare con gli eventi dal vivo. “Lo chiedono i nostri clienti”

Pronti a ricominciare con gli eventi dal vivo. “Lo chiedono i nostri clienti” Pronti a ricominciare con gli eventi dal vivo. “Lo chiedono i nostri clienti” Pronti a ricominciare con gli eventi dal vivo. “Lo chiedono i nostri clienti” Pronti a ricominciare con gli eventi dal vivo. “Lo chiedono i nostri clienti” Pronti a ricominciare con gli eventi dal vivo. “Lo chiedono i nostri clienti”

ITALIA EVENTI GROUP

Far vivere emozioni è da sempre la loro mission, ma oggi più che mai Italia Eventi Group non ha dubbi: i clienti chiedono di ricominciare a incontrarsi dal vivo. La società di organizzazione eventi romana si è impegnata, in questo anno di pandemia, a mantenere vivo il rapporto con loro. In un periodo in cui non ci si incontra dal vivo, ha sviluppato una piattaforma digitale altamente performante per eventi in streaming e ha mantenuto alta l’attenzione sulle esigenze dei clienti.

E oggi  l’agenzia registra un’impennata di richieste di eventi in presenza per la seconda parte del 2021. “L’emozione, la convivialità e lo scambio di idee e visioni che dà un evento in presenza è insostituibile. Tutti i nostri clienti hanno bisogno di ricominciare a comunicare dal vivo” ci ha spiegato in questa intervista Mirko Valente, General Manager di Italia Eventi Group.

Secondo la vostra percezione, quando avverrà la ripresa degli eventi? I vostri clienti li stanno pianificando? 

I nostri clienti non vedono l’ora di tornare a organizzare eventi in presenza. Dopo gli ultimi aggiornamenti, stiamo ricevendo tantissime richieste per l’estate e per il periodo da settembre a dicembre 2021, oltre a molte altre per il 2022. Da settembre in particolare sembra ci sarà una ripresa molto forte. Ovviamente si tratta di aziende che si rivolgono a un pubblico Italiano, talvolta europeo. Stiamo ricevendo molte richieste per convention aziendali, lanci di prodotto e brand party, mentre le aziende multinazionali ci richiedono eventi ibridi, con ospiti Italiani in presenza e in collegamento streaming per il resto del mondo. 

Cosa serve, a questo punto, per fare ripartire gli eventi in presenza?

Abbiamo bisogno innanzitutto di date certe per la ripartenza, per dare tempo alle aziende di programmare l’evento. E di un preciso protocollo da adottare. Svariate associazioni di categoria stanno interloquendo con il Governo per stilare un protocollo per lo svolgimento di eventi in presenza in totale sicurezza, in particolare FEU Filiera Eventi Unita ha già avviato vari incontri in merito a questo.

Quale ruolo ha avuto il digitale nella vostra realtà durante la pandemia?

Il digitale ci ha dato modo di mantenere il rapporto con i nostri clienti e di sviluppare un settore che fino a oggi non era un nostro core business. Abbiamo sviluppato una nostra piattaforma che permette di organizzare eventi in streaming fino a 5000 partecipanti con il massimo della personalizzazione grafica e 3D immaginabile. I nostri clienti sono molto soddisfatti, ma come dicevo non vedono l’ora di tornare a pianificare eventi dal vivo. 

Quale sarà, secondo lei, il rapporto tra digitale e live quando si tornerà a fruire degli eventi in presenza?

A nostro avviso una componente digitale rimarrà nel futuro. Ad esempio per estendere la platea dei presenti e ridurre i costi di logistica di viaggi a livello internazionale si manterrà la modalità streaming che fino a poco tempo fa invece  tendeva a essere non considerata o vista come di seconda scelta rispetto all’evento live.