3244

Location
per eventi

14601

Sale
meeting

340

Agenzie
e servizi

11155

Articoli
e recensioni

Passato, presente e futuro

Passato, presente e futuro Passato, presente e futuro Passato, presente e futuro

SDC SERVICE

Abbiamo incontrato Silvio Cossi, socio fondatore e direttore creativo di Sdc Service, che ha risposto ad alcune domande sui progetti della società e sulla filosofia che da sempre ispira i due fratelli fondatori di una tra le principali realtà italiane nell'organizzazione di eventi aziendali.

Come è andata l'annata 2013 per Sdc Service, ci può fornire un breve resoconto?
«Prima di entrare nei dettagli volevo fare un mega ringraziamento a tutti coloro che ci hanno accompagnato in questa annata a dir poco soddisfacente. Solo per dare qualche numero: 120 eventi (oltre le più rosee aspettative), un più sessanta per cento di fatturato rispetto al 2012, credo di non dover aggiungere altro».

Visti i numeri e i risultati raggiunti, potrebbe dirci qual è stata la sfida più grande del 2013?
«Senza ombra di dubbio, essendo per noi un mercato “never covered”, l'evento dello scorso maggio con “solo” 550 cinesi: in questo caso il cliente era Prudential e il Dmc che ci ha affidato il business la Tumlare di Roma. Per questo evento abbiamo curato la cena di gala al Salone delle Fontane in zona Eur a Roma. L'intero evento è ruotato intorno al tema del “Made in Italy”, con allestimenti e scenografia in stile “vintage-chic” con abiti vintage d'esposizione, Ferrari, corner fotografici con vespe d'epoca e modelle oltre a cantanti lirici cinesi su un mega palco».

Archiviata questa positiva annata, come è iniziato il 2014? «Direi semplicemente alla grande: il primo bimestre l'abbiamo concluso con 12 eventi all'attivo, due dei quali di grande rilevanza sia in termini di numeri sia di blasone del cliente. In entrambi i casi il settore merceologico è quello farmaceutico, il primo si è svolto il 7 e 8 gennaio e per questo abbiamo curato la direzione artistica per Eliquis (alleanza commerciale tra Pfizer e Bristol Myers Squibb), per il lancio di un nuovo prodotto, con la presenza di circa trecento invitati per l'occasione. Il concept è stato il mondo velico e il claim “un nuovo vento, un grande evento”; a conclusione come testimonial d'eccezione è stato chiamato il famoso skipper e motivatore Paul Cayard. Il secondo evento si è svolto sempre a Roma poche settimane fa per una casa farmaceutica (meeting nazionale) in collaborazione con il loro Dmc Carlson Wagonlit, con la presenza di quattrocento ospiti. In questo caso, oltre alla direzione artistica, abbiamo curato anche un team building ad hoc, ispirato a Master Chef, con un corso di cucina particolare, con la presenza dello chef pluripremiato Bruno Barbieri».

Rimanendo a tema direi che viaggiate con il vento in poppa; a tal proposito quali sono le prospettive per il 2014? «Tra eventi confermati e quelli in ballo non ci possiamo proprio lamentare, anzi sinceramente visto il periodo non possiamo che ritenerci fortunati. In particolare nel mese di marzo abbiamo avuto due team building, uno riguarda un gruppo farmaceutico, la Roche, alla quale in occasione del lancio di un nuovo prodotto, in collaborazione con il Dmc Kuoni, abbiamo organizzato un team building in Roma centro. Altra attività invece è per Volvo Penta, qui ci è stato chiesto di organizzare un qualcosa sempre per le strade di Roma che andasse a coincidere da un lato con la visita culturale dei 250 partecipanti e al contempo avesse un fine aggregativo trattandosi di persone che non si conoscevano tra loro».   Dalle sue risposte una domanda mi sorge spontanea, ma come mai nomina sempre il Dmc dell'evento? «Ringrazio in anticipo per la domanda, allora è semplicissimo: per policy aziendale (dalla nascita di Sdc Service siamo stati sempre fedeli e coerenti) non contrattiamo mai con i clienti finali bensì solo tramite le agenzie italiane. Sinceramente all nel settore in pochi hanno compreso questa nostra politica ma oggi proprio questa politica ci premia con più di novanta eventi annui di media. In poche parole saremo sempre degli interlocutori per i vari Dmc e mai e poi mai competitor».

Sdc ha qualche novità per il 2014? «Non posso anticiparvi molto, ma stiamo lavorando all'acquisizione di una società che ci permetterà di essere ancora più ricchi di progetti e di idee inoltre stiamo creando un nuovo format che presenteremo ai nostri clienti nella prossima edizione della Btc, fermo restando che Sdc Service ogni giorno è pronta a soddisfare le esigenze dei clienti con tempestività e creatività».

Se dovesse scegliere uno slogan per Sdc Service, quale sarebbe? «Non ho dubbi: “Viviamo di creatività e regaliamo emozioni”».