3218

Location
per eventi

14485

Sale
meeting

340

Agenzie
e servizi

11123

Articoli
e recensioni

Un posto al sole per gli eventi

Un posto al sole per gli eventi Un posto al sole per gli eventi Un posto al sole per gli eventi

AIM GROUP INTERNATIONAL - FOLLOW OUR SUN

Quando si organizzano eventi di qualunque tipo è più che mai fondamentale poter contare su un valido network di professionisti e su una perfetta gestione dei servizi logistici, che ci consenta di spuntare in breve tempo e senza ansie tutti i punti della nostra personale to-do list. Le partnerhsip e le sinergie tra i diversi fornitori di servizi, i gestori delle location interessate, i responsabili della comunicazione, dei trasporti, del catering... Sappiamo bene quanto possa essere lungo l’elenco delle figure professionali coinvolte nel set up di un convegno, dei numeri di telefono da tenere a portata di mano, e quanto possa diventare complesso tenere le redini di tutti questi provider. Per questo motivo in molti casi è importante poter contare su una valida Dmc che aiuti l’organizzatore a “fare rete”.

Abbiamo chiesto a Susanna Tocca, managing director degli uffici portoghese e spagnolo di Aim Group International, di illustrare per noi i driver della neonata Dmc del gruppo, Follow our Sun, di cui è la coordinatrice, partendo dalla sua progettazione. «Il nuovo brand è nato dalla necessità di creare un’identità propria per la divisione Dmc di Aim Group International, distinguendola dal core business che fino a due anni fa era dato soprattutto dall’organizzazione di congressi nazionali e internazionali, nonché dal “mondo pharma” e dalle sue continue necessità di viaggi ed eventi. Il lavoro di una Dmc invece è più colorito, creativo, un complemento perfetto al lavoro del Pco, che spesso e volentieri viene percepito come più serio e istituzionale. Sentivamo la necessità di trasmettere questa differenza alla nostra clientela potenziale con una nuova immagine e una differente strategia di approach».

Secondo fattore di rilievo: il naming, la cui importanza non è mai da sottovalutare, specie quando l’obiettivo è quello di comunicare, come in questo caso, una nuova prospettiva e una nuova linea di offerta. Il claim di Follow our Sun allude infatti a un sole che non tramonta mai; e in effetti la scelta dei Paesi inseriti nel portfolio spazia dall’Europa più orientale (Baltico e Bulgaria) alla punta occidentale del continente (il Portogallo), passando per la Mitteleuropa (Austria, Ungheria, Repubblica Ceca), il Mediterraneo (Spagna e Italia) e il continente (Francia).

«Il sole era già presente nel nostro logo, si trattava di utilizzarlo per trasmettere la vision e i valori della nuova Dmc. Le sedi sono state strategicamente create per avere a oggi una presenza praticamente in tutta l’Europa, per lo spostamento nei Paesi piu belli di qualsiasi evento europeo o internazionale in tutto il continente», continua Tocca. Varietà e ampiezza di orizzonti sono quindi i plus su cui la nuova Dmc ha scelto di puntare con maggiore decisione, mentre la scelta di includere nel network alcuni Paesi dell’est europeo denota una precisa strategia, che tiene conto sia delle differenti disponibilità di budget sia dei nuovi protagonisti sulla scena degli eventi internazionali.

Non bisogna infine dimenticare l’importanza del saper riscoprire e proporre i tanti angoli suggestivi ma dimenticati dei vari Paesi, portando in evidenza il lato Mice di località abitualmente frequentate dal turismo leisure. E forse è proprio questa una delle doti prime e più importanti del destination management. Come racconta Susanna, un valido esempio di queste opportunità è dato dal Portogallo: «È un Paese spesso sottovalutato, ma in realtà è una delle destinazioni più attraenti. Porto, il centro principale del nord, è una cittadina pittoresca a prima vista, ma è anche una dinamica sede per ogni congresso con un’offerta completissima, un’ospitalità eccellente e strutture modernissime come il Leading Hotel Porto Palacio o l’antica sede della dogana, oggi trasformata in centro congressi. L’Algarve del Sud – spesso dimenticato –  continua a essere una delle coste più belle d’Europa».